Sanremo 2019, selfie di Salvini con Baglioni: poi arriva l’ennesima provocazione

Salvini
Sanremo 2019, ieri il monologo di Pio e Amedeo ha parlato anche di Salvini che, di tutta risposta, ha fatto un selfie con il noto cantautore lanciando poi una provocazione sui suoi canali social. La polemica, dunque, non si placa per niente.

Sanremo 2019, selfie di Salvini con Baglioni: poi arriva la provocazione.
Nel corso della seconda puntata del festival di Sanremo 2019 hanno recitato uno sketch significativo e molto divertente Pio e Amedeo. Si tratta di uno dei duo comici più apprezzati in senso assoluto. Tra i vari temi trattati, in maniera del tutto inevitabile, c’è anche un po’ di politica. In un regime di assoluta par condicio: sfottò, infatti, riservati ad ogni fazione, dal PD a Forza Italia passando per la Lega.

Per conoscere in tempo reale tutto quello che c’è da sapere a proposito delle manovre del Governo e, nel caso specifico, a proposito di tutte le attività del vice primo ministro Matteo Salvini, allora CLICCA QUI!

Non pare aver apprezzato, però, il leader della Lega Matteo Salvini, che dimostra una volta di più tutta la sua insofferenza nei confronti delle battute che lo riguardano. Sul suo profilo Instagram, infatti, ha condiviso un selfie con Baglioni che sa tanto di provocazione dopo le polemiche di qualche tempo fa nate dalle dichiarazioni del cantante.

Per non perderti mai un post, una foto o una storia di Matteo Salvini sui suoi canali social, allora CLICCA QUI!

Sanremo 2019, selfie di Salvini con Baglioni: poi la provocazione

Il selfie in questione è fatto, ovviamente, con la televisione alle spalle di Salvini. Ciò che però rischia di far venir fuori un altro polverone è la didascalia del post in questione: “Evviva Sanremo… Visto che parlano sempre di me, mi potevano almeno invitare per una cantatina!”. In una parte del monologo, infatti, Pio e Amedeo hanno parlato della questione immigrazione citando una splendida canzone di Baglioni, “Uomini persi”. Evidentemente la scelta non è stata gradita al leader della Lega.