Sanremo 2019: chi è Livio Cori, il mistero di Liberato e il testo con Nino D’Angelo

livio-cori-chi-è-sanremo-2019-min

Livio Cori e Nino D’Angelo Sanremo 2019, Chi è Livio Cori e il testo della canzone di Sanremo 2019.
Sul palco del Festival di Sanremo 2019 saliranno Nino D’Angelo e Livio Cori, un’inedito duetto speciale che porta sul palco del Teatro Ariston un’ondata di calore partenopeo. Ma chi è Livio Cori, questo giovane ragazzo che si esibirà sul palco di Sanremo 2019 nella categoria Big?

Se vuoi conoscere tutte le ultime novità su Sanremo 2019 le trovi qui:

Sanremo 2019, Livio Cori è Liberato?

Sono molte le curiosità inerenti questo personaggio e si comincia subito col capire se Livio Cori è o meno Liberato. Tutti forse si ricorderanno che alcuni mesi fa in radio passavano in continuazioni canzoni come Nove Maggio e Tu t’è scurdat’e Me. Ma chi era questo Liberato? Forse è proprio Livio Cori perchè se si guarda il profilo Instagram di Cori si vedono proprio delle immagini che ricordano il profilo di Liberato.

Livio Cori, chi è, biografia, carriera e canzoni

Lasciando a parte le illazioni e le ipotesi su Livio Cori / Liberato, la carriera di Livio Cori comincia da piccolissimo. Classe 1990 lui è una delle voci più interessanti della scena partenopea. Quando ha solo 14 anni scrive le sue prime rime e inizia a studiare canto. Nel 2015 arriva il suo primo singolo intitolato Tutta La Notte. Sentiamo poi il suo brano Surdat, anche nella serie tv Gomorra, nella terza stagione. Questo brano racchiude tutto ciò che di più emblematico c’è nella musica di Livio Cori.

Nino D’Angelo e Livio Cori partecipano al Festival di Sanremo 2019 con il brano Un’Altra Luce, una sorta di dialogo tra le due facce della città di Napoli che si confrontano sotto il profilo della musica. A Febbraio Livio Cori farà uscire il suo nuovo album MonteCalvario.

Testo Un’Altra Luce, Livio Cori e Nino D’Angelo

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me
Tu assumiglie a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te
Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire