Sanremo 2019, Salvini snobba il vincitore Mahmood: il suo preferito era un altro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:39
Matteo Salvini
Sanremo 2019, dopo il verdetto finale tramite i suoi canali social anche il vice premier Matteo Salvini ha detto la sua esprimendo quello che era il suo preferito e la sua speranza per la vittoria finale. E la scelta non risulta essere particolarmente sorprendente.

Sanremo 2019, Salvini snobba il vincitore: il suo preferito era un altro.
Si è tenuta ieri sera la finalissima del Sanremo 2019 che ha sancito il trionfo, non poco sorprendente, di Mahmood, giovane artista classe 1992 con origini egiziane. In molti hanno ironizzato, presentando questo risultato come una sorta di “schiaffo morale” dato a Matteo Salvini ed in generale alla Lega perché emblema dell’integrazione. Ovviamente, però, il leader del Carroccio non ha perso occasione, dopo il verdetto finale, per dire la sua. E lo ha fatto a modo suo, “snobbando”, per così dire, il vincitore ed indicando quello che era il suo favorito.

Per conoscere in tempo reale tutto quello che c’è da sapere a proposito di Matteo Salvini, leader del Lega, vice premier del Governo e Ministro degli Interni, oltre che uno dei politici di punta al momento, allora CLICCA QUI!

Non poteva essere altrimenti, d’altronde, conoscendo il personaggio. per lui, infatti, la vittoria doveva andare ad Ultimo. Ultimo che, ironia della sorte, ha polemizzato dopo la finale in conferenza stampa con i giornalisti perché in molti hanno interpretato le sue parole su Mahmood come una provocazione.

Mahmood vince Sanremo, ma Salvini lo snobba

Il messaggio che Salvini ha condiviso su Twitter è a dir poco eloquente: “Mah… La canzone italiana più bella?! Io avrei scelto Ultimo, voi che dite?”, con tanto di foto del momento dell’annuncio del vincitore. Ovviamente, come al solito, il tweet in questione è stato condiviso da moltissimi utenti fino a diventare quasi virale, come spesso gli accade. Un Sanremo all’insegna di Salvini, iniziato con le polemiche con Baglioni e finito con le perplessità legate al trionfo di Mahmood.