Daniele Piervincenzi e la troupe de Popolo Sovrano aggrediti a Pescara

Daniele Piervincenzi e la troupe
Daniele Piervincenzi e la troupe de Popolo Sovrano aggrediti a Pescara

Daniele Piervincenzi e la troupe de Popolo Sovrano aggrediti a Pescara
È successo ancora. Daniele Piervincenzi, inviato del nuovo programma di inchieste di Rai Due, è stato nuovamente aggredito. Già 15 mesi fa, infatti, il giornalista aveva ricevuto una testata durante il servizio dedicato al boss di Aostia. A distanza di mesi, quindi, la situazione è analoga. Ma vediamo cos’è successo.Daniele, insieme alla sua troupe, si trovava a Pescara. In particolare, al quartiere Rancitelli. E girava un servizio dedicato ai clan della periferia pescarese. Ad un certo punto, però, sono sbucati alcuni abitanti del quartiere che hanno iniziato ad aggredirli. Da come si può vedere dalla immagini diffuse dalla direzione del programma, l’aggressione è stata davvero violenta. Ma capiamo qualcosa in più.

Per ulteriori news d’attualità, di curiosità, di cronaca nera ed, infine, i migliori dibattiti della politica nostrana –> clicca qui

Daniele Piervincenzi e la troupe de Popolo Sovrano aggrediti a Pescara

Daniele Piervincenzi, insieme a Sirio Timossi e David Chierchini, si trovava in un complesso di case, chiamato Ferro di Cavallo, ritenuto la maggior piazza di spaccia in tutto il territorio pescarese ad abruzzese. Improvvisamente, però, gli inviati sono stati raggiunti da un gruppo di persone. I quali hanno iniziato a minacciarli. “Questa non è casa vostra. Ve ne dovete andare”, esclama uno di questi uomini. Ben presto, però, queste minacce verbali vengono accompagnate da violenze corporali. L’uomo in questione, infatti, tira uno schiaffo a Piervincenzi. Ma non solo. Perché ben presto si aggiungeranno anche altri individui. A questo punto, quindi, la violenza diventa di massa. Addirittura c’è anche chi tenta di rubare la videocamere. Inevitabile, quindi, per Davide e la sua troupe darsi alla fuga. “A Pescara, a ‘Ferro di Cavallo’ non si può entrare e di certo non si possono fare domande” conclude Piervincenzi.