Patente, ritiro previsto per chi usa il cellulare alla guida: arriva la proposta

Patente
Arriva una clamorosa novità che riguarda tutti i guidatori: è arrivata la proposta di legge che prevede il ritiro della patente per coloro i quali parlano al telefono mentre sono alla guida dal momento che è questa la principale causa degli incidenti automobilistici. Si tratterebbe di una novità non di poco conto.

Patente, ritiro previsto per chi usa il cellulare: arriva la proposta
Senza ombra di dubbio resta un problema a dir poco di vecchia data quello dei tanti incidenti stradali causati, in toto o solo in parte, da distrazioni legate all’utilizzo, da parte dei guidatori, dei cellulari e degli smartphone. Da tempo, infatti, è previsto la sottrazione di punti per coloro i quali vengono beccati dalle autorità mentre usano il telefono alla guida, ma a quanto pare questo provvedimento, ormai datato, non ha portato i risultati sperati.

Per conoscere in tempo reale tutto quello che c’è da sapere a proposito delle novità e dei decreti legge che vengono approvati da questo Governo formato dalla Lega e dal Movimento 5 Stelle, con un particolare riferimento alle novità relative alla patente, allora CLICCA QUI!

Proprio per questo motivo il governo formato dalla Lega e dal Movimento 5 Stelle è al lavoro per trovare una soluzione a questo problema non di poco conto. A tal proposito, potrebbe arrivare una novità a stretto giro relativa al Codice della Strada. E si tratta dell’ennesima novità dopo la multa in caso di non coincidenza di patente e libretto.

Patente ritirata per chi usa il telefono alla guida

Già, proprio così. La proposta in questione è arrivata direttamente da Santo Puccia, primo dirigente della Polizia stradale, in audizione alla commissione Trasporti della Camera. Queste le sue parole riportate dal Mattino: “La principale causa di incidenti stradali è la distrazione e l’uso improprio di smartphone e altri dispositivi è la prima causa di distrazione. Una modifica normativa che consenta il ritiro della patente alla prima violazione va incontro all’esigenza di essere più efficaci nel contrasto a questo comportamento pericolosissimo”.