Isola dei Famosi, Alessia Marcuzzi furiosa contro Kaspar Capparoni

Alessia Marcuzzi (foto Instagram)

Alessia Marcuzzi si scaglia contro Kaspar Capporoni definendolo arrogante verso la produzione.
La sesta puntata dell’Isola dei famosi è stata molto movimentata. Dopo il confronto tra Riccardo Fogli e la moglie Karin, le polemiche e gli screzi tra i vari naufraghi, ad alimentare il tutto c’è anche Kaspar Capparoni. Durante un collegamento Alessia Marcuzzi ha chiesto all’attore di spiegarle il perché Marina La Rosa sostiene che, la puntata scorsa durante una prova, Capparoni abbia fatto vincere Marco Maddaloni. Kaspar non sembra voler rispondere e dare spiegazioni sull’accaduto, dicendo ad Alessia che queste sono questioni riguardanti lui e lo sportivo Maddaloni. A quel punto la Marcuzzi sbotta: “tutta questa arroganza puoi evitarla”. Quest’anno Alessia è davvero agguerrita e pronta a difendere il programma e la produzione, proprio per questo sembra più determinata che mai a fare chiarezza su qualsiasi cosa per evitare polemiche che infanghino il programma.

Per ulteriori news su Alessia Marcuzzi e L’isola dei Famosi–> clicca qui

Isola dei Famosi, Alessia Marcuzzi contro Capparoni

Durante la scorsa puntata Stefano Bettarini ha insinuato che durante la prova leader il gruppo avrebbe cercato di far vincere Marco Maddaloni. La voce è stata confermata da Marina La Rosa che accusa Capparoni di aver preso accordi con lo stesso Maddaloni. Ieri sera Alessia Marcuzzi ha chiesto delle spiegazioni all’attore riguardo la questione, ma Capparoni non ha voluto parlare “io so cosa è accaduto e lo sa anche Marco, non entro in questa diatriba puerile e stupida. Non dico nulla, io ho una dignità” commenta Kaspar in malo modo, non smentendo però ciò che ha affermato Marina, infatti, continua dicendo: “io so perfettamente come sono andate le cose, così come le persone coinvolte. Ragionate su come sono state fatte le coppie e poi ne riparliamo”. Alessia a questo punto interviene e sbotta:”Kaspar però tutta questa arroganza puoi evitarla, noi stiamo qui per parlarne”.