Mutilazioni dei genitali femminili: ecco cosa sono e perché le praticano

Mutilazioni dei genitali femminili: ecco cosa sono e perché le praticano
Mutilazioni dei genitali femminili: ecco cosa sono e perché le praticano

Si sente sempre più spesso parlare di amputazione dei genitali femminili, oppure di vere e proprie mutilazioni di genitali femminili. Solo a pronunciare queste parole mette i brividi, ma sapete realmente cosa sono? Ci sono donne che, in alcuni paesi del mondo, sono costrette a subire quella che viene barbaramente definita una tradizione. Una tradizione che porta tanta sofferenza nella vita di bambine, ragazze e donne. Ecco quello che bisogna sapere in merito e tutto ciò che subiscono queste povere creature. Iniziamo col dire che le mutilazioni dei genitali femminili, o anceh dette con l’abbreviativo MGF, seppur ci sembri una cosa distante anni luce dalla modernità del tempo, è ancora un fenomeno molto diffuso nel mondo. Questo include diverse pratiche tradizionali differenti, come ad esempio l’incisione oppure l’asportazione totale o parziale dei genitali esterni femminili. Questa sofferenza è costretta a subirla indifferenziatamente una donna, come una ragazza, finanche una bambina. Tutto questo può causare anche danni gravi alla salute di chi subisce questa pratica.

Per essere sempre aggiornato sulle curiosità dall’Itala e dal mondo allora CLICCA QUI

Mutilazioni genitali femminili: perché avvengono e quali sono le conseguenze

 Una pratica che può compromettere, oltre che la salute corporea della donna, anche e soprattutto quella mentale. Il numero di donne che sono costrette a subire questa violenza è di circa 125 milioni nel mondo. Secondo i dati Unicef, ogni anno, ci sono milioni di bambine, anche di età inferiore ai 15 anni, che subiscono tutto ciò. Il fenomeno è diffuso maggiormente in 29 paesi dell’Africa, ma è presente in maniera diffusa anche in Asia e, sorprendentemente, anche nel resto del mondo. Ma perché avviene tutto ciò, cosa spinge i popoli a praticare questo rituale sulle donne? I motivi sono molteplici: uno di questi è ridurre la sessualità della donna, un altro è legato a ragioni igieniche ed estetiche, poi si pensa che la mutilazione renda le donne più fertili. Le conseguenze di queste pratiche poi sono tragiche. Questa pratica, che tutto il mondo condanna, non è mai eseguita con il consenso della donna e questo viola i suoi diritti. La loro salute poi è altamente a rischio a causa di emorragie, infezioni e traumi.