Meteo, da domani piogge, temporali e neve in Italia: ecco le zone interessate

Meteo, da domani piogge, temporali e neve in Italia: ecco le zone interessate

Meteo domani piogge temporali
Dopo alcuni giorni davvero caldi e di bel tempo, la situazione precipiterà nuovamente nei prossimi giorni. Già a partire da domani, infatti, a quanto pare in diverse zone del Bel Paese sono attese piogge, temporali ed addirittura la neve. Andiamo un po’ a vedere quali sono le zone che saranno maggiormente interessate e colpite.

Dopo alcuni giorni molto positivi dal punto di vista climatico, con il discorso che va esteso un po’ ad ogni zona del Paese, la situazione peggiorerà nei prossimi giorni ed in maniera importante già a partire da domani. Già dalla mattinata, infatti, attendevi al risveglio una aria cupa con tante nuvole e piogge, con possibili temporali ed addirittura grandinate nella zona Nord-Est, in particolar modo in Veneto, Romagna ed Emilia-Romagna centrale. Nella zona del Friuli e del Trentino, poi, sono attese addirittura delle nevicate sparse, ad altezze considerevoli di certo ma anche ad altitudini inferiori, in un contesto che risulterà insolite visto il periodo.

Per conoscere in tempo reale tutto quello che c’è da sapere a proposito delle condizioni dal punto di vista sia climatico che meteorologico in tutta Italia, con un riferimento specifico che va fatto a proposito di quelle che sono le principali e più preoccupanti precipitazioni per evitare di imbattersi in dei pericoli, allora CLICCA QUI!

Meteo domani, piogge e neve anche al Sud

Se al Nord la situazione sarà davvero molto delicata, il discorso non sarà poi tanto diverso per quanto riguarda il centro ed il Sud. Sono attesi, infatti, forti rovesci, oltre a piogge, temporali e grandinate anche nelle Marche, in Abbruzzo ed in Umbria. Non sarà risparmiato, per così dire, nemmeno il Lazio, con la capitale, Roma, che al pari di altre zone della Campania e della Puglia dovrà fare i conti con condizioni climatiche davvero avverse. E, purtroppo, la situazione non sembra destinata a migliorare in vista del primo maggio.