Incidente Michele Bravi: l’avvocato rompe il silenzio

Incidente Michele Bravi, l’avvocato rompe il silenzio: “Michele sta male”. Il cantante è in silenzio dal giorno dell’incidente.

incidente michele bravi
Incidente Michele Bravi, l’avvocato rompe il silenzio: “Michele sta male”. Il cantante è in silenzio dal giorno dell’incidente.

Per chi non lo ricordasse, Michele Bravi fu coinvolto in un incidente stradale avvenuto il 22 novembre scorso, in cui perse la vita una donna che si trovava a bordo di una moto. L’iter giudiziario vede Michele Bravi come indagato per il reato di omicidio stradale. Ma, in questi mesi sarebbero circolate molte notizie false sul suo conto. Ed è per questo motivo che l’avvocato di Michele, Manuel Gabrielli, ha deciso di rompere il silenzio.

• Per essere sempre aggiornato su tutto ciò che accade nel mondo dello spettacolo e per non perderti nessuna news, scoop e indiscrezione dei personaggi più seguiti della TV e dei social network, clicca qui!

Incidente Michele Bravi: l’avvocato rompe il silenzio

In un’intervista al Corriere della Sera, l’avvocato spiega nuovamente la dinamica dell’incidente. Smentisce che l’impatto tra i due veicoli abbia avuto luogo mentre Michele Bravi effettuava un’inversione a U non rispettando il diritto di precedenza della motociclista. Dunque, la tragedia si sarebbe verificata mentre Michele imboccava una svolta a sinistra per introdursi in un passo carraio, un’ “azione di cui aveva piena legittimità“, come l’ha definita il legale.
Al momento dell’impatto, l’auto di Michele aveva superato la riga di mezzeria per circa la sua metà, mentre l’impatto è avvenuto in prossimità della portiera posteriore, lato guidatore. I consulenti della difesa stanno valutando «le modalità di determinazione del sinistro, anche con riferimento alla velocità della moto ed ai tempi di reazione» ma «allo stato, ribadisce Gabrielli,  traspaiono evidenti elementi di innocenza di Michele Bravi».

Il silenzio di Michele

L’avvocato aggiunge: “Michele sta molto male e il suo silenzio è proprio per rispettare le persone coinvolte. Una cosa del genere segna moltissimo. Ma segna anche leggere che molti ti considerano già il responsabile di questo dramma”.
Dallo scorso novembre, Michele si è chiuso infatti dentro un profondo silenzio. Dal giorno dell’incidente stradale in cui ha cancellato ogni impegno e comunicazione. Solo a marzo, un breve messaggio affidato a Twitter, con scritto: «Sto cercando di costruire piano piano la realtà. Vi voglio bene». Qualche mese fa invece, il cantante ha condiviso un post sul suo profilo Instagram con uno sfondo completamente bianco e nessuna didascalia.
I commenti dei fan sono migliaia. C’è chi esprime il proprio sostegno al cantante, chi sostiene la sua innocenza e chiaramente, non mancano mai, commenti negativi e dita puntate. Ma questo è il mondo del web.