Anthoine Hubert è morto: tragico incidente, aveva 22 anni

Anthoine Hubert è morto all’età di 22 anni in un tragico incidente: il drammatico annuncio

Anthoine Hubert morto
Anthoine Hubert è morto in un tragico incidente: aveva solo 22 anni (Foto: Facebook)

Terribile tragedia in Belgio: Anthoine Hubert è morto in un drammatico incidente. Il pilota esordiente in Formula 2 gareggiava nella scuderia Arden, questa è stata la sua ultima gara. L’incidente ha visto coinvolto lui, Sato e Correa e si è verificato nel secondo giro di Gara-1 nella categoria propedeutica alla Formula 1. Anthoine aveva solo 22 anni: non ce l’ha fatta. La sua morte è una vera e propria tragedia. Era stato anche trasportato al centro di terapia intensiva più vicino, ma niente.

Anthoine Hubert è morto a 22 anni: tragico incidente

Le ferite erano troppo gravi: per questo non c’è stato nulla da fare per il pilota di Formula 2. I soccorsi sono andati subito verso di lui e hanno cercato in tutti i modi di rianimarlo. Il ragazzo è stato trasportato al centro di rianimazione del circuito ed è lì che ha perso la vita. Il mondo dei motori, ancora una volta, piange la scomparsa di un ragazzo giovanissimo. L’annuncio ufficiale è arrivato dalla FIA: è stata pubblicata una nota sul loro sito. In tanti avevano già capito che l’incidente era abbastanza serio e che, molto probabilmente, Anthoine non ce l’avrebbe fatta. Tuttavia, i medici hanno provato in tutti i modi a tenerlo in vita. Il ragazzo, però, aveva riportato delle ferite troppo profonde e in parti del corpo troppo delicate. Per questo, non ce l’ha fatta ed ha lasciato un grande vuoto. Il mondo intero è attonito per quanto appena accaduto. Un ragazzo così giovane non dovrebbe perdere la vita, soprattutto se in un modo così tragico. La Federazione aveva scelto sin da subito di non pubblicare le immagini dell’incidente perché tutti avevano inteso si trattasse di qualcosa di molto grave. Un vero e proprio dramma: un episodio che di sicuro lascerà un segno indelebile nel mondo dei motori.

Per ulteriori aggiornamenti sulla notizia:  clicca qui