Roma, fantoccio di Greta Thunberg impiccato al cavalcavia dell’autostrada

Roma, spunta il fantoccio di Greta Thunberg impiccato sul cavalcavia dell’autostrada Roma-Fiumicino: gesto deplorevole e immagini raccapriccianti

Greta Thunberg, fantoccio impiccato
Roma, il fantoccio di Greta Thunberg impiccato (fonte foto: Gruppo Facebook ‘Noi di Colli Portuensi e Monteverde)

A Roma c’è qualcuno a cui, probabilmente, non piace molto Greta Thunberg. Qualcuno che si è spinto, però, a compiere un gesto abbastanza ‘estremo’ e poco razionale. Anzi, potremmo dire anche vergognoso. Greta, per quanto possa essere molto impegnata socialmente e politicamente, resta comunque una bambina. E tutto questo non può essere normale e quanto meno si può etichettare come uno scherzo di cattivo, pessimo gusto. E’ apparso sul cavalcavia di via Isacco, sotto il ponte dell’autostrada Roma-Fiumicino, un fantoccio rappresentante la bambina, impiccato. Le lunghe trecce, l’impermeabile giallo: insomma, tutto sembra ricondurre il pensiero a lei. E c’è anche una cartella che recita “Greta it’s your God” (“Greta è il vostro dio”).

Roma, il fantoccio di Greta Thunberg impiccato

Non ci sono tante parole per descrivere un episodio del genere. Più che ‘vergognoso’, insomma, cos’altro si può scrivere? A prescindere dagli ideali politici. Dal pensiero in generale. A prescindere da tutto, Greta Thunberg è una bambina e non si può rappresentare una scena del genere con tanta leggerezza. Non lo si può neanche chiamare scherzo. Adesso, il fantoccio è stato già rimosso dalle forze dell’ordine. Per commentare l’episodio, la sindaca Virginia Raggi su Twitter si esprime così: “Vergognoso il manichino di Greta Thunberg ritrovato appeso a un ponte nella nostra città. A lei e alla sua famiglia la mia solidarietà e quella di tutta Roma. Il nostro impegno sul clima non si ferma”.

Non si sa nulla, al momento, su chi potrebbe essere stato l’autore del gesto. Solo supposizioni su cui, però, non si può costruire alcuna prova.

  • Per approfondimenti e ulteriori informazioni: clicca qui