Uomo anziano di 67 anni sorpreso a rubare: non regge e muore all’arrivo della polizia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:13

Uomo anziano di 67 sorpreso a rubare: non regge alla vista della polizia, si accascia e muore davanti a loro. Una vera e propria tragedia

Uomo sorpreso a rubare
Uomo anziano sorpreso a rubare muore mentre aspetta la polizia

Un uomo anziano, di 67 anni, è morto in seguito ad un episodio che lo vede autore di un furto. Un furto non considerevole. Il gesto potrebbe essere stato la decisione presa dopo un periodo di profonda difficoltà. L’uomo era stato sorpreso a rubare un dentifricio e uno shampoo in un supermercato in provincia di Bolzano. Il personale ha avvertito le forze dell’ordine. Mentre aspettavano lì il loro arrivo, l’uomo è stato colto da un malore ed ha perso la vita. Il supermercato è quello proprio in piazza Matteotti e il fatto si è consumato intorno alle ore 9 della mattina di venerdì 18 ottobre: una vera e propria tragedia.

Uomo di 67 anni sorpreso a rubare: stroncato da un malore mentre aspettavano la polizia

Lascia tutti attoniti la vicenda che vede protagonista un anziano uomo di 67 anni, sorpreso mentre metteva in tasca del dentifricio e uno shampoo. Merce che non supera il valore compressivo di 5-10 euro. Insomma, un qualcosa di veramente poco conto. I commessi del supermercato hanno avvertito le forze dell’ordine dell’accaduto. Così, l’uomo ha atteso insieme a loro l’arrivo. Secondo le prime indagini, c’era già qualche problema di salute, ma quando ha visto arrivare la volante non ha retto. Gli agenti si sono subito resi conto che si trattasse di qualcosa di più grave di un malore. Infatti, immediatamente hanno chiamato l’ambulanza al pronto soccorso. I medici, accorsi molto in fretta, si sono subito precipitati a praticare manovre di rianimazione. Manovre che sono durate circa venti minuti prima di notificare il decesso dell’uomo. Per ora, sappiamo solo che si tratta di un uomo di Bolzano. Stando alle notizie che trapelano dal web negli ultimi minuti, si trattava di una persona con problemi economici ed era stato portato a quel gesto proprio a causa di una accentuata disperazione sorta proprio nell’ultimo periodo.