Vieni da Me, Vittorio Sgarbi: la dubbia frase sui suoi figli che lascia tutti sgomenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:24

Vittorio Sgarbi, Vieni da Me: le frasi sui figli e sul suo modo di essere padre: “Sono genitore, non padre”.

vittorio-sgarbi-figli-vieni-da-me

Caterina Balivo è pronta a intrattenere i suoi fan con un nuovo appuntamento pomeridiano con Vieni da Me. Il programma di Rai 1 attira sempre l’attenzione dei telespettatori grazie alle interviste che la padrona di casa realizza con molti personaggi dello spettacolo super interessanti. Oggi vediamo infatti Vittorio Sgarbi prestarsi al gioco della lavatrice raccontando dei momenti più difficili della sua carriera che possono essere “lavati” oppure no.

Le litigate di Vittorio Sgarbi con Mughini e Aldo Busi

Caterina Balivo comincia subito a intervistare Vittorio Sgarbi chiedendogli della lite con Mughini. I due non hanno ancora fatto pace dopo la litigata in diretta a Stasera Italia Estate: “Non mi piace chi usa la violenza, non è stata una lite è stata un rissa perché lui ha preso la testa e mi voleva lanciare una sedia”. Si passa poi al termine capra che Sgarbi usa spesso. “Nel 2002 ho litigato con Aldo Busi e lì è stata la prima volta che l’ho usata. Non sono stato nemmeno querelato perché capra racchiude delle parolacce che non si possono dire”.

Figli di Vittorio Sgarbi: la frase che lascia tutti perplessi

“Io ho un maschio, una femmina e una intermedia. Lasciamo perdere”. Vittorio Sgarbi non va ad approfondire ma sembra lasciar intende di avere una figlia con qualche particolarità. “Io non sono padre, sono un genitore biologico. Li ho riconosciuti tutti, sono molto bravi e belli, ma io non sono padre. Ho portato la bellezza loro hanno preso la l’intelligenza dalla madre. Io parlo con i miei figli 10 minuti ogni nove mesi, è il tempo che ci ho messo per concepirli”. Caterina poi chiede della figlia nata in Albania, Alba: “È intelligente, brava, colta, studia a Milano, mi viene a trovare spesso. Mi chiama papà”. Per quanto riguarda Evelina, Sgarbi spiega: “È una ragazza complicata, studiava a casa, non volevo. Ma è bravissima. Ha 19 anni”.