Massimo Gramellini, Vieni da Me: “Scoprii che mia madre si era tolta la vita solo molti anni dopo”

Vieni da Me, Massimo Gramellini svela che non sapeva la verità sulla morte della madre.

massimo-gramellini-vieni-da-me2 (2)

Massimo Gramellini è l’ospite di oggi per la cassettiera di Vieni da Me con Caterina Balivo. Si affrontano tanti momenti belli della vita di Gramellini, come l’amore con la moglie Simona, ma anche dei momenti tristi come la scomparsa della madre che si è suicidata quando lui aveva solo nove anni, ma Massimo scoprì la verità solo molto più tardi quando era grande e quando una signora gli consegnò un ritaglio di giornale in cui si parlava proprio dell’accaduto.

Il commovente racconto della scomparsa della mamma di Massimo Gramellini

Gramellini spiega così un momento commovente con la mamma, scomparsa prestissimo: “Quando mia madre se ne andò avevo solo nove anni. Presi un fazzoletto a pois ed era diventato il mio feticcio. Era come avere lei”. Caterina ricorda poi del libro Fai Bei Sogni in cui si racconta proprio della perdita della mamma: “Mia madre era guarita dal suo brutto male, ma soffriva di depressione e il terrore di stare ancora male la portò a levarsi la vita. La vera perdita la ebbi quando tornò a casa depressa, non mi guardava più e pensavo di sbagliare qualcosa io, mio padre non mi ha mai voluto dire niente e io l’ho scoperto tardissimo. Questo libro per me è stata un liberazione e l’ho scritto per svelare milioni di misteri delle famiglie italiane”.

Vieni da me, il ricordo del padre di Gramellini

Parlando poi del padre Gramellini ricorda: “Casa mia si mangiava in silenzio assoluto, guardavamo il Tg1 e non potevamo nemmeno raccontare cosa succedeva a scuola. Dal padre cerchiamo il riconoscimento, ma io con lui non riuscivo a comunicare. Dobbiamo accettare che possa non esserci questo dialogo. Lui era un uomo straordinario, ma all’antica. Quando si vedono i padri di oggi che cercano di compiacere i figli, mi ricordo lui che mi diceva di non essere un mio amico, ma mio padre. Ricordo che quando ero triste per una ragazza lui mi disse solo “Morto un Papa se ne fa un altro”. Era un uomo di questa generazione, erano tosti”.