“Quando smetti di cantare?”: Gianna Nannini ‘costretta’ a prendere una decisione

Gianna Nannini di recente, in un’intervista rilasciata a Radio Italia, ha dichiarato di essere stata ‘costretta’ dalla figlia a prendere una decisione importante

gianna nannini figlia decisione
Gianna Nannini deve prendere una decisione per la figlia (Fonte: Instagram)

Circa due anni fa, in occasione della sua prima autobiografia, Gianna Nannini ha fatto coming out ed ha dichiarato di avere una compagna e una figlia e di vivere con loro a Londra, dove le coppie LGB sono meglio tutelate. L’arrivo della figlia ha ovviamente stravolto la sua vita. In una recente intervista rilasciata a Radio Italia, la Nannini ha dichiarato di essere stata ‘costretta’ dalla figlia stessa a prendere una decisione importante.

Gianna Nannini, la decisione per la figlia

Il 15 novembre 2019 Gianna Nannini ha pubblicato il suo ventesimo album intitolato “La differenza“. Esso contiene anche una collaborazione con il rapper Coez nel brano “Motivo” ed è stato concepito in tre mesi. L’album è stato composto in uno studio affittato sulla Gloucester Road di Londra e registrato poi a Nashville negli studi Blackbird di John McBride. La Nannini è stata quasi “costretta” dalla figlia a prendere questa decisione. Come raccontato nell’intervista a Radio Italia, infatti, la bambina le aveva chiesto: “Mamma quando smetti di cantare?” e per questo motivo la cantante ha deciso di affittare uno studio per comporre il suo ventesimo album. La Nannini ha poi aggiunto nell’intervista: “Non si può lavorare in casa, fare dischi e cantare: quando arriva da scuola lei vuole attenzioni e tu in quel momento stai facendo una canzone… è brutto! Allora ho trovato un posto dove sono andata per potermi concentrare e creare questo album”.

Nell’intervista, la Nannini ha confessato anche qual è il brano che piace di più alla figlia Penelope, “Gloucester Road“. La cantante ha poi aggiunto: “Le piace molto che sono Gianna Nannini, oltre che la mamma, ma le dà anche un po’ fastidio secondo me”.