Chi era Ippolita Sforza, la donna che ne “I Medici” è interpretata da Gaia Weiss

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:26

Ecco chi era Ippolita Sforza, la donna che nella serie tv “I Medici” è interpretata dalla bravissima e bellissima Gaia Weiss

chi era ippolita sforza
Chi era Ippolita Sforza (Fonte: Google)

Ieri sera è andata in onda la prima puntata della terza stagione de “I Medici“, serie tv di successo in onda su Rai Uno. La serie televisiva tornerà questa sera con il secondo episodio. Nella puntata in onda stasera su Rai Uno ci sarà un nuovo personaggio, Ippolita Sforza, interpretato dall’attrice francese Gaia Weiss. Il personaggio sarà incontrato dal protagonista Lorenzo de’ Medici durante il suo viaggio verso Napoli. Con Ippolita, Il Magnifico avrà un rapporto molto complesso.

Chi era Ippolita Sforza

Ippolita Sforza sarà uno dei nuovi personaggi della terza stagione de “I Medici“, serie tv in onda su Rai Uno. Ippolita visse tra il 1445 e il 1488 ed era figlia di Francesco I, primo duca di Milano appartenente al ramo degli Sforza, e di Bianca Maria Visconti. Divenne Duchessa di Calabria, titolo assegnato alla moglie dell’erede al trono del regno di Napoli, ma morì prima che suo marito, Alfonso II d’Aragona diventasse re di Napoli. Ippolita fu una donna di gran cultura, nonché alunna di Guiniforte Barzizza, rinomato umanista italiano. La discendente dei Sforza fu anche alunna di Costantino Lascaris, filologo e umanista bizantino, che le dedicò addirittura un’opera, “Grammatica greca“.
Il 10 ottobre 1465 sposò a Milano per ragioni politiche Alfonso d’Aragona e fu da tutti additata come esempio di fedeltà e pudicizia. Dal matrimonio nacquero tre figli: Ferdinando, detto Ferrandino e divenuto poi Ferdinando II re di Napoli, Isabella, duchessa di Milano e poi di Bari, e Pietro, principe di Rossano.

Come vedremo nell’episodio in onda questa sera su Rai Uno, Ippolita avrà un rapporto molto complesso con Lorenzo de’ Medici. Il Magnifico si recherà a Napoli per firmare la pace con Ferrante d’Aragona e per convincerlo a prendere le distanze dal papa.