Vieni da Me, Caterina Balivo l’appello a Bruno Vespa: “Devi dirlo ai politici”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:29

Bruno Vespa, Vieni da Me: il gioco della lavatrice con Caterina Balivo svela alcuni lati nascosti della sua vita privata.

bruno-vespa-vieni-da-me

Bruno Vespa, famoso conduttore televisivo di Rai 1, si presta al gioco della lavatrice di Caterina Balivo a Vieni da Me. Nel corso del gioco arriverà a svelare molti lati della sua vita privata e deciderà quali avvenimenti, belli o brutti, lavare in lavatrice per dimenticarli o metterci una pietra sopra.

Bruno Vespa e la sfuriata con Pippo Baudo

Caterina Balivo gli ricorda subito una sua sfuriata importante in televisione con Pippo Baudo e Centocinquanta, nel 2011. “Gli ho voluto molto bene, ma quella trasmissione che facemmo insieme non funzionò. Andò malissimo”. Vespa però non si scompone particolarmente e così si prosegue nel viaggio tra i “panni sporchi” da lavare o no.

Caterina Balivo e Bruno Vespa sui genitori che lavorano

Si parla così del figlio di Bruno Vespa, Federico, che ospite della trasmissione di Caterina si era lamentato dell’assenza dei genitori poiché lavoravano. “È una colpa lavorare? Non ero così assente, ma il papà babysitter non potevamo farlo. Da anni cerco di fare una campagna per incentivare il lavoro delle donne, creando anche asili gratuiti”. Caterina interviene così, scaldandosi: “Se una mamma deve lavorare per pagare la babysitter sta a casa. Ci sono realtà in cui c’è un asilo nella struttura lavorativa come all’Ospedale Le Molinette, tu che conosci i politici, diglielo Bruno” e Vespa chiosa: “Non faccio altro Caterina, soprattutto se ci sono pochi soldi, vanno concentrati”.

Il nuovo libro di Bruno Vespa

Caterina poi tira fuori una camicia nera che si ricollega al nuovo libro di Bruno Vespa “Perché l’Italia divenne fascista”. Il conduttore inizia così a spiegare di cosa tratta il suo libro e consiglia a tutti i giovani di leggerlo perché nessuno sa cosa sia successo veramente. “Non dobbiamo mai tornare a nessun tipo di dittatura”.