Ilary Blasi assente alla puntata per Nadia Toffa: adesso spiega il motivo

Ilary Blasi fece sollevare molte polemiche, dopo la sua assenza alla puntata de ‘Le Iene’ dedicata a Nadia Toffa, adesso però spiega i motivi

Ilary Blasi, polemiche per la sua assenza alla puntata de 'Le Iene' dedicata a Nadia Toffa, adesso spiega i motivi
Ilary Blasi, polemiche per la sua assenza alla puntata de ‘Le Iene’ dedicata a Nadia Toffa, adesso spiega i motivi (instagram)

Ilary Blasi ad Ottobre, è stata letteralmente investita da una pioggia di critiche, a causa della sua assenza, alla puntata commemorativa, organizzata per Nadia Toffa. La sua assenza, è risultata per molti, irrispettosa e senza tatto, visto che per molti anni, la showgirl aveva condotto il programma proprio al fianco della Toffa, con la quale condivideva anche uno splendido rapporto di amicizia. Ma dopo quanto successo, la conduttrice ha deciso di rompere una volta e per sempre il silenzio, spiegando quanto accaduto, e i motivi che hanno causato la sua assenza. Scopriamo cos’ha dichiarato al Settimanale F…

Ilary Blasi spiega i motivi della sua assenza alla puntata commemorativa per Nadia Toffa

Ilary Blasi è tra le presentatrici più amate del programma di Italia 1, ‘Le Iene’, e ad Ottobre era stata attaccata duramente, per non essersi presentata alla puntata in onore della compianta Nadia Toffa. In studio erano presenti 101 Iene, che nel corso degli anni, avevano avuto la possibilità di lavorare con la Toffa, anche solo per breve periodo, come: Fabio Rovazzi, Simona Ventura, Pif, Fabio Volo e Luciana Litizzetto. Saltò subito all’occhio l’assenza della Blasi, che oltre ad essere una collega, era anche un’amica. La conduttrice ci ha tenuto a dichiarare al Settimanale F, una volta per tutte, le motivazioni della sua assenza. Ilary si trovava infatti a Londra per dei nuovi progetti lavorativi e purtroppo, la chiamata dalla redazione è arrivata all’ultimo minuto, non dandole la possibilità materiale di poter tornare in Italia. A tal proposito infatti, ha dichiarato: “Ero a Londra, un viaggio che avevo prenotato per il lavoro di Francesco. Mi hanno chiamato quando ero già partita