Justine Mattera, foto sul balcone: vedo non vedo da urlo

Justine Mattera, bellissima showgirl di origini americane, continua a pubblicare sul suo profilo Istagram fotografie così sensuali da far girare la testa ai follower: l’ultima è assolutamente pazzesca.

Justine Mattera
Justine Mattera, foto del buongiorno con pieno di like (Foto: Instagram)

Justine Mattera ha sempre puntato moltissimo sul proprio aspetto fisico, fin da quando, giovanissima, si esibiva come sosia di Marilyn Monroe. A distanza di anni dagli esordi, Justine si mantiene ancora in forma smagliante e non ha paura di mostrare su Instagram quei centimetri di pelle che da anni fanno impazzire i suoi fan.
Già in passato, infatti, Justine è andata “fuori di seno” in diverse occasioni, sempre però facendo in modo da non incappare nelle rigidissime censure di Instagram. C’è anche da dire che molte fotografie di Justine sono ritratti professionali e la ritraggono completamente vestita: la sua carriera di modella va avanti a gonfie vele.

Justine Mattera, la foto sensuale sul balcone

Perfettamente consapevole che la sensualità non si misura in centimetri di pelle scoperta ma nella capacità di catturare l’attenzione mostrando il meno possibile ma con eleganza, Justine ha deciso di posare per una foto in bianco e nero in cui indossa soltanto una vestaglia da camera di seta a fiori che ricorda un kimono.
La vestaglia è lasciata maliziosamente aperta sul davanti, trattenuta soltanto da una cintura appoggiata sui fianchi.
Nella foto Justine Mattera non guarda l’obiettivo e sembra concentrata sull’osservare qualcosa all’orizzonte, come se fosse stata sorpresa dal fotografo nei primi momenti della mattina.

Justine Mattera foto

Un misto di sensualità, innocenza, muscoli scolpiti e bellezza mozzafiato che ha scatenato i commenti dei follower su Instagram i quali, almeno, hanno fatto in modo di non cadere nel volgare, limitandosi a far leva sull’immaginazione di Justine:Sei da amare… non ci sono altre parole… o meglio ci sarebbe ma non la pronuncio … ti lascio immaginare”.