Simona Ventura, confessione choc su Fabrizio Corona: “Se lo fosse stato, saremmo morti”

Simona Ventura, intervistata da Peter Gomez su Nove, ha fatto una confessione choc su Fabrizio Corona: “Se lo fosse stato, saremmo morti”

simona ventura corona fabrizio
Simona Ventura, confessione choc su Fabrizio Corona (Fonte: Instagram)

Simona Ventura è stata ospite de “La confessione“, programma condotto dal giornalista Peter Gomez sul Nove. L’intervista ha toccato vari temi e soprattutto ha ripercorso la carriera della conduttrice italiana. Parlando del suo passato, la Ventura ha raccontato la sua collaborazione con Lele Mora. I due hanno collaborato a lungo insieme, infatti, come dichiarato dalla conduttrice, “il rapporto con Lele è durato più del matrimonio con il marito“. Dopo la rottura, Lele è entrato in affari con Fabrizio Corona, che ha avuto diversi attriti con la Ventura.

Simona Ventura, la confessione choc su Fabrizio Corona

Il rapporto tra la conduttrice e l’ex re dei paparazzi non è mai stato idilliaco. A causa di Corona, infatti, la Ventura si ritrovò invischiata in una situazione molto delicata e addirittura fu chiamata a testimoniare nell’inchiesta Vallettopoli. Nel caso della conduttrice, l’ex re dei paparazzi fu rinviato a giudizio per diffamazione nei confronti dell’ex socia di Lele Mora in merito ad una lettera aperta che raccontava particolari privati. Simona, intervistata da Peter Gomez, è tornata sul caso Corona, dichiarando: “Quello che stava facendo Corona era stalking“. La conduttrice ha addirittura raccontato che una volta è stata raggiunta dai paparazzi sino in una chiesa della Sardegna. “Ha tentato di beccarmi tante volte” – ha aggiunto la Ventura – “ma non ci è mai riuscito. E lui è stato diabolico ma non intelligente, se lo fosse stato, noi eravamo morti”.

Una confessione veramente toccante, che la conduttrice ha voluto accompagnare con una lettera aperta a Fabrizio: “mi dispiace per quello che sta accadendo. Non provo vendetta, non provo rancore. Sono umanamente vicina a te, a tuo figlio, alla tua famiglia. Eri un ragazzo meraviglioso e intelligente, ci sono cose belle che hai fatto. Ricomincia da quelle per ricostruire”.