L’Assedio, Ema Stokholma racconta la sua infanzia: l’incredibile rivelazione

L’Assedio, Ema Stokholma racconta la sua infanzia alla giornalista Daria Bignardi: l’incredibile rivelazione sul rapporto con la madre

L'Assedio, Ema Stokholma racconta la sua infanzia: l'incredibile rivelazione
L’Assedio, Ema Stokholma racconta la sua infanzia: l’incredibile rivelazione (instagram)

Forse il nome Ema Stokholma vi suonerà familiare, vi dice nulla Sanremo? Ebbene si, è la conduttrice del pre- Sanremo con Gigi e Ross. La disc jockey e radiofonica di origini francesi è stata ospite di Daria Bignardi a L’Assedio. Qui l’artista ha avuto modo di esprimere tutta se stessa, in un racconto molto intimo e profondo, di un passato che l’ha segnata moltissimo. Ema ha colto l’occasione per parlare del suo libro autobiografico, in cui ripercorre le tappe più difficili della sua storia e del rapporto turbolento con la madre, che a distanza di anni non è riuscita a perdonare. Daria Bignardi ha letto alcuni estratti del libro ‘Per il mio bene’ che la giovane deejay ha raccontato di aver dedicato non solo a lei, ma anche al fratello, vittima delle stesse sofferenze e soprusi che ha dovuto affrontare lei da bambina. Ema visibilmente emozionata, non ha nascosto particolari molto emozionanti della sua storia. Andiamo a vedere insieme qualche piccolo estratto del suo libro e le dichiarazioni della deejay in merito alla sua infanzia e al rapporto con la madre.

L’Assedio, Ema Stokholma racconta la sua infanzia: l’incredibile rivelazione

Ema Stokholma rivela con immensa emozione di essere stata vittima di violenze da parte della madre. Questa nel corso dell’infanzia era solita picchiarla con frequesnza non solo all’interno delle mura domestiche, ma anche fuori. La deejay ha raccontato a Daria Bignardi di non essere mai riuscita a perdonare la madre per quanto le ha fatto e che le è mancato l’amore che una figlia dovrebbe ricevere in tenera età. La bignardi ha letto qualche piccolo estratto del libro, in cui si faceva riferimento proprio a questi momenti drammatici e molto delicati. E in merito a questo ha dichiarato: “Era la prima volta che succedeva in macchina, ero abituata al fatto che potesse succedere a casa, quindi era per me un luogo protetto quando poi è successo in macchina ho pensato ‘ecco vedi, anche qua’”. E sul rapporto con la madre ha poi detto: “Da sempre, io non ricordo mia madre che mi abbraccia, quindi non ricordo un rapporto diverso, fisico con mia madre, diverso dalla violenza. Succedeva anche a mio fratello sì, però è successo quando sono venuta al mondo io, quindi i primi tre anni di vita per mio fratello sono stati quasi normali…

L'Assedio, Ema Stokholma racconta la sua infanzia: l'incredibile rivelazione
L’Assedio, Ema Stokholma racconta la sua infanzia: l’incredibile rivelazione (instagram)

Il perdono non è obbligatorio, non posso perdonarla, ma non solo per me anche per mio fratello, per molti anni che sono stati difficili. Ti senti proprio perso perché non hai un appiglio, non hai conosciuto mai l’amore, non sai che cos’è, e questa cosa non la puoi perdonare ad una madre”.