Coronavirus Cina, Cannavaro torna in strada: “Qui si torna alla vita normale”

Fabio Cannavaro torna in strada: finita la quarantena in Cina per l’Emergenza Coronavirus, l’ex campione del mondo è uscito con la sua bici. Il video su Instagram

cannavaro cina
Fabio Cannavaro in Cina torna alla vita normale: ecco il video in cui mostra a tutti la strada

L’emergenza Coronavirus sta mettendo in ginocchio l’intero mondo: in Italia ed in altri paesi, il governo ha obbligato ai cittadini di stare in isolamento domestico ed evitare di uscire se non per casi di estrema necessità. Lo scopo è quello di evitare eventuali ed ulteriori contagi da Covid-19. Da dove è partito il virus però, in Cina, comincia a rientrare l’allarme. A piccoli passi il paese asiatico sta tornando verso la normalità dopo le tantissime settimane difficili legate al diffondersi dell’epidemia. Fabio Cannavaro, allenatore italiano del Guangzhou Evergrande, è uscito dalla quarantena ed ha pubblicato un video mentre gira in bici per le strade cinesi.

Coronavirus, Cannavaro in Cina torna in strada: “Qui si torna alla vita normale”

Il campione del mondo nel 2006 ha documentato con un video su Instagram la fine della sua quarantena in Cina. A Guangzhou è tornata la normalità: le persone indossano ugualmente la mascherina ma tornano a svolgere le loro attività. Fabio Cannavaro si riprende su Instagram mentre gira in bici su una strada in cui ci sono famiglie e persone che fanno jogging. L’allenatore del Guangzhou Evergrande ha regalato ai suoi followers un’idea di come potrebbe essere il ritorno alla vita di tutti i giorni dopo l’emergenza Coronavirus. “Ciao ragazzi, qui la gente torna alla vita normale. Oggi giro in bici con mascherina, casco: l’attrezzatura e’ a posto” sono le parole dell’ex calciatore ed oggi allenatore in Cina.

E mentre in Cina provano a tornare alla normalità, qui in Italia la situazione è ancora in bilico. Gli italiani sono in isolamento domestico: si può uscire solo in casi di estrema necessità per evitare eventuali ed ulteriori contagi. Ci auguriamo che tutto questo finisca presto.