Come cambierà la moda dopo il Coronavirus: parla Giorgio Armani

Come cambierà la moda dopo il Coronavirus: parla Giorgio Armani, tra gli stiliti più attivi nella lotta al Coronavirus.

giorgio armani coronavirus moda
Come cambierà la moda dopo il Coronavirus: parla Giorgio Armani, uno tra gli stilisti più attivi nella lotta al Coronvirus ( Fonte Getty images)

L’emergenza Coronavirus ha sconvolto ogni ambito del nostro Paese e, inevitabilmente, anche il mondo della moda. In una lettera a WWD, Giorgio Armani, uno degli stilisti più attivi nella lotta al Covid-19, ha spiegato come, al termine del lockdown, ci saranno delle vere e proprie rivoluzioni nel campo del fashion system. Per Armani, dopo questo periodo, la moda diventerà qualcosa di più ‘intimo’. Scopriamo le sue parole.

Come cambierà la moda dopo il Coronavirus: per Giorgio Armani ci sarà un approccio più intimo

Dopo la quarantena, i bisogni dei clienti cambieranno radicalmente, ed è per questo che le grandi case di moda dovranno ideare le giuste strategie per soddisfare le nuove esigenze ed affrontare la crisi. È questo il pensiero di Giorgio Armani, uno degli stilisti più attivi nella lotta al Coronavirus, con provvedimenti drastici sin dalle prime avvisaglie di pericolo: niente pubblico alla sfilata della Milano Fahion Week, chiusura di uffici e cancellazione di tutti gli eventi di moda in programma. E, in una lettera a WWD, Giorgio Armani dimostra di essere ben cosciente che, al termine del lockdown, il settore della moda cambierà in modo abbastanza radicale. Dai ritmi super rapidi e quasi insostenibili del periodo pre Coronavirus, si passerà a una fase decisamente più intima.Secondo Giirgio Armani nascerà, quindi, un nuovo approccio, attraverso il quale gli stilisti dovranno essere in grado di soddisfare le reali e nuove esigenze dei clienti. Cosa cambierà nella sua Maison? Innanzitutto l’offerta: le collezioni saranno allineate alle stagioni. Non vedremo, quindi, abiti primaverili o inverali con molti mesi d’anticipo.

(Fonte Getty Images)

Addio alle pre-collezioni, a favore degli show unificati uomo e donna. Per Giorgio Armani, dopo il lungo periodo di quarantena, la gente prediligerà capi capaci di andare oltre il tempo, le mode e la pandemia: abiti che durano.