The Facchinettis, Francesco e Wilma: “Come raccontare il Covid-19 ai bambini”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:13

La redazione di Sologossip ha intervistato in esclusiva Francesco Facchinetti e Wilma Faissol, protagonisti su DPlay con la serie tv “The Facchinettis”

francesco facchinetti e wilma faissol
Francesco Facchinetti e Wilma Faissol: “Come raccontare il Coronovirus ai bambini” (Fonte: Instagram)

Francesco Facchinetti e Wilma Faissol sono una delle coppie più seguite sui social. I due si sono sposati l’11 dicembre 2014 a Mariano Comense ed hanno avuto due splendidi figli, Leone e Lavinia. Dal 12 aprile sono protagonisti su Dplay Plus con “The Facchinettis“, prima serie tv firmata dalla rete che racconta la vita quotidiana di una famiglia allargata pronta a raccontare le proprie dinamiche tra crisi di coppia, figli, nonni ingombranti, tata, assistenti personali e altri personaggi fuori dal comune. La serie tv andrà in onda anche questa sera su Real Time. La redazione di Sologossip ha intervistato in esclusiva Francesco e Wilma per parlare della serie tv, di Coronavirus e di tanto altro ancora.

Francesco Facchinetti e Wilma, intervista esclusiva

Domenica sera è andata in onda la prima puntata di “Facchinettis”, la serie tv che vi vede protagonisti: ci raccontate com’è nata l’idea?

Wilma: “Ho lavorato con Francesco e Roby nel 2015 quando facevano The Voice. Registravo qualche pillola della loro interazione e postavo i video sui social con l’hashtag ‘#facchinettis’. Poi ho iniziato a fare la stessa cosa anche con la nostra vita quotidiana ed è nato l’interesse di qualche produttore. Dopo alcuni anni abbiamo trovato il partner giusto”

Questa idea dunque è nata prima dell’emergenza Coronavirus, ma questa ha cambiato in qualche modo il programma?

Francesco: “Sì, è nata prima, ma abbiamo cercato di mantenere una certa contemporaneità; infatti le riprese sono iniziate a febbraio e nella nostra serie c’è il Festival di Sanremo, che si è tenuto nella prima settimana di febbraio. Più avanti parleremo anche di Coronavirus”

Qual è stato il riscontro del pubblico dopo la prima puntata?

F: “Sono molto contento perchè è stato bello vedere il pubblico che si divertiva. La reazione del pubblico è stata magnifica ed abbiamo avuto un ottimo riscontro. Questo mi fa sorridere, si vede che abbiamo avuto una buona idea”

W: “La rete, infatti, ha dovuto anticipare la messa in onda su Dplay, perchè inizialmente la puntata di domenica 19 sarebbe dovuta saltare, ma il pubblico ci ha chiesto di andare in onda”

Vi siete ispirati a Sandra Mondaini e Raimondo Vianello?

F: “Ho dovuto spiegare a mia moglie chi fossero perchè lei, essendo brasiliana, non li conosceva. È un modello stupendo di vita domestica resa celebre al pubblico mady in Italy. Sandra e Raimondo sono stati i precursori di questo genere di programma. Mi piace pensarla così, a parte ovviamente il rispetto che ho nei confronti di uno dei più grandi presentatori della storia della televisione italiana. Mi piacerebbe avere un millesimo di quello che avevano loro, mi basterebbe”

W: “Quando ho iniziato a pubblicare sui social queste pillole sull’interazione tra me e Francesco, le persone mi parlavano di Sandra e Raimondo, ma io non sapevo chi fossero. Li ho cercati su YouTube e mi sono vista alcune puntate. Sono straordinari”

Per conoscere meglio la coppia, ci raccontate come vi siete conosciuti?

W: “Ci siamo conosciuti tramite amici in comune nel 2013. Siamo andati a fare un viaggio di gruppo a Marrakech e lì è iniziata la nostra storia”

Ci dite un vostro pregio e un vostro difetto?

W: “Un pregio di Francesco è la tenerezza con i bambini, che può essere anche un difetto perchè li vizia troppo. Un difetto, invece, è la mancanza di attenzione. È come un pesce rosso. Mi fa arrabbiare quando gli parlo e dopo tre secondi l’ho già perso…”

F: “Un pregio di mia moglie è una donna estremamente intelligente. Quando hai la fortuna di trascorrere la giornata con una donna così intelligente, ogni giorno è un nuovo giorno e puoi imparare cose nuove. Sono molto fortunato. Un difetto, invece, è il fatto che non ama andare in discoteca. Ogni volta che glielo chiedo lei mi risponde: ‘Sei vecchio, non puoi più andare in discoteca’. A me, invece, piace ritornare ad essere un ragazzaccio”

Com’è stato l’incontro di due culture diverse?

W: “Non è sicuramente facile convivere con una persona molto diversa da te, ma ci sono anche dei vantaggi: si può, ad esempio, diventare complementari”

F: “È stato interessante. Io sono una persona molto curiosa e quindi ho trovato stimolante confrontarmi con una persona molto diversa da me, seppur con tutte le problematiche del caso”

Avete due splendidi bambini, volete fermarvi o allargare ancora la famiglia?

W: “Sinceramente no. Per me stiamo bene così. La primogenita ha undici anni e da quando è nata ho sempre messo i miei figli al primo posto. Adesso, invece, vorrei lasciarli crescere e pensare un po’ a me”

F: “Non si sa cosa potrà succedere. Mai dire mai. È logico, però, che abbiamo molte responsabilità. Per adesso pensiamo a fare bene il nostro mestiere di genitori e poi vedremo cosa succederà in futuro”

Nella serie tv è presente anche nonno Roby: lui come ha accolto questa idea?

F: Lui fa parte della nostra famiglia e non poteva non esserci in questa serie televisiva. Si è divertito a giocare insieme a noi e a far vedere al pubblico com’è la vita di una rockstar che adesso ha una certa età, ma che è riuscito a fare la rivoluzione nel suo paese grazie alla sua musica”

I bambini che rapporto hanno con il nonno?

W: “I bambini impazziscono per Roby, perchè lui è molto paziente. Quando mangiamo, ad esempio, loro sono sempre in braccio al nonno. Passano intere ore a parlare e spesso Roby gli porta anche qualche pensierino”

Tornando alla quotidianeità, come state affrontando questo periodo?

F: “Siamo in quarantena, però siamo sereni. Sto con i miei figli e sono contento di poter passare questo tempo con loro”

Come avete raccontato il Covid-19 ai vostri bambini?

W: “Ai bambini abbiamo detto che le scuole sono chiuse perchè c’è un virus fuori simile ad un mostro così piccolo che non si vede e che ci fa ammalare. Per questo dobbiamo stare a casa finché i supereoi non raccolgono questi piccoli mostri e li uccidono. Fortunatamente abbiamo un giardino, quindi possono giocare e si sentono in vacanza”

Come si riparte dal punto di vista economico dopo questa emergenza?

F: “Bisogna rinascere e capire che il mondo non sarà più come prima. Sarà dura, ma è un passaggio che dobbiamo fare. Ci sarà chi ci impiegherà di più, chi di meno, ma si deve fare e dovrà essere l’alba di un nuovo giorno per tutti”

Parliamo di progetti: Francesco qual è il prossimo progetto in cantiere di cui mi puoi parlare?

Ho veramente tantissimi progetti in cantiere. Sicuramente il più importante, oltre alla serie tv, è ripartire, perchè avevo due film in produzione in estate, quattro concerti, 250 mila biglietti staccati. Devo cercare di riassettare tutto per ripartire alla grande

Wilma a te, invece, piacerebbe sperimentare la televisione ma da sola non in coppia con Francesco?

Dipende dal progetto. Se si tratta di un progetto che funziona, veritiero, improntato sulla mia persona, sicuramente potremmo provare

Intervista a cura di Vincenzo Mele.