Coronavirus, 15 maggio Consiglio dei Ministri e vertice con le regioni: si va verso la riapertura

Domani alle 12 un nuovo Consiglio dei Ministri per il Decreto Legge ed il vertice tra Governo e Regioni: nasceranno le nuove linee guida per le riaperture del 18 maggio.

15 maggio consiglio ministri
È stato convocato per venerdì alle 12 un nuovo Consiglio dei ministri ed il vertice tra governo e regioni dal quale nasceranno le linee guida indispensabili alle riaperture del 18 maggio

L’Italia lo scorso 4 maggio ha dato inizio alla Fase 2 dell’emergenza Coronavirus. Gli italiani hanno iniziato a convivere con il virus utilizzando, ovviamente, tutte le misure di sicurezza per prevenire ed evitare il contagio. 4 milioni di italiani sono tornati al lavoro con la riapertura di numerose attività, c’è stato anche un allentamento delle misure restrittive imposte dal Governo. Dal 4 maggio è stata data la possibilità di svolgere attività fisica individualmente, di passeggiare, ma sempre con il divieto di assembramenti. I numeri di contagi sembrano esser migliorati ma i prossimi giorni saranno i decisivi: dal 18 maggio potrebbero aprire altre attività, che sono ancora oggi in lockdown. Il Governo ha deciso di dare autonomia alle Regioni e altre attività, fino ad ora in pausa, potranno riprendere. Non sarà ancora consentito invece spostarsi tra Regioni senza un valido motivo. Domani ci sarà un nuovo Consiglio dei Ministri e, sempre per domani, è previsto il vertice tra governo e regioni dal quale dovranno scaturire le linee guida indispensabili alle riaperture del 18 maggio.

Coronavirus, 15 maggio Consiglio dei Ministri e vertice con le regioni: si va verso la riapertura

Domani alle 12 si terrà un nuovo Consiglio dei Ministri per discutere del decreto che prevede nuove misure di ‘allentamento’ del lockdown provocato dall’emergenza Coronavirus. Ci saranno nuove riaperture a partire dal 18 maggio e domani è previsto il vertice tra Governo e Regioni dal quale dovranno nascere le linee guida indispensabili per la ripartenza. In programma c’è una riunione tra il ministro della Salute, Roberto Speranza, il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, ed i governatori delle Regioni per valutare le varie ipotesi sulle riaperture, che saranno probabilmente differenziate, alla luce degli ultimi dati sull’andamento epidemiologico del Covid.

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ieri in conferenza stampa ha spiegato il nuovo decreto che prevede molti aiuti economici per gli italiani. Ci saranno sgravi su tasse e bollette, in particolare di servizio elettrico, così come per gli affitti. Il Governo ha deciso di dare 600 euro ai lavoratori autonomi e di sostenere con prestiti a fondo perduto medie e piccole imprese. Lo Stato aiuterà anche le famiglie garantendo da 400 ad 800 euro alle famiglie con ISEE fino a 15 mila euro.