Smart Working, pro e contro: come combattere il mal di schiena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:50

Smart Working, i pro e i contro di tale soluzione: scopriamo insieme come poter combattere il mal di schiena dopo tante ore alla scrivania

Smart Working, pro e contro: come combattere il mal di schiena
Smart Working, pro e contro: come combattere il mal di schiena (fonte google)

Come ben sappiamo, con questo periodo di lockdown molte delle attività sono state sospese, non solo i negozi, ma anche gli uffici stanno attraversando un periodo molto critico. Molti hanno deciso di aderire all’iniziativa dello smart working, che da la possibilità agli impiegati di lavorare da casa, utilizzando il proprio pc e la propria connessione internet. Per molti questo magari è stato un problema, per altri invece una vera salvezza, riuscendo a tenere lontano dai rischi magari figli e genitori, da un possibile contagio. Attualmente sono ancora moltissimi i lavoratori che si trovano in smart working e che utilizzano i propri mezzi per portare avanti tutte quelle mansioni che prima venivano svolte in ufficio. Sicuramente i pro di questa misura adottata dal Governo sono molti, ma sono tante anche le complicazioni che comportano. Non tutti magari disponevano di una rete internet a casa, o di un computer all’avanguardia, o ancora altri problemi. Ma cerchiamo di capire insieme quelli che possono essere dei consigli per migliorare la situazione nello smart working da casa.

Smart Working, pro e contro: come combattere il mal di schiena

Come vi abbiamo spiegato qualche giorno fa, ci sono numerosi accorgimenti da poter seguire in caso di stress causato proprio da questo periodo storico così difficile. C’è da dire che tra i consigli che vi avevamo dato, c’è sicuramente lo stretching, che può essere un vero toccasana prima di sedersi alla scrivania per lavorare. Smart Working significa infatti ‘lavoro agile’, ma spesso tanto agile per la nostra salute non è. Tante ore al pc, magari con una postura sbagliata, sedie scomode o scrivanie non della giusta misura, possono davvero nuocere alla nostra salute. Tra i problemi più diffusi tra chi lavora molte ore al pc, c’è sicuramente il mal di schiena, che può accentuarsi ancor di più con lo stress e un’alimentazione disordinata. Oltre allo stretching vi consigliamo di sistemare una postazione per il lavoro che possa essere comoda e funzionale, sulla scrivania una lampada che vi aiuti anche la sera a non affaticare gli occhi e quindi ad incurvarvi su pc, una bacheca sul muro che vi aiuti a tenere tutto sotto controllo e sotto mano.

Smart Working, pro e contro: come combattere il mal di schiena
Smart Working, pro e contro: come combattere il mal di schiena (fonte google)

Poi se il mal di schiena dovesse essere molto importante e fastidioso il consiglio è quello di praticare della ginnastica posturale, o affidarci ad un chiropratico. Il chiropratico è colui che ha competenze per poter manipolare la colonna vertebrale al fine di ridurre i dolori e soprattutto per risalire alle cause che li provocano. Il chiropratico è un medico a tutti gli effetti, che ha dovuto eseguire tutti gli studi di medicina e solo dopo la laurea iniziare il percorso di specializzazione in tale pratica. Per riconoscere un professionista serio è fondamentale sapere se è iscritto all’AIC Associazione Italiana Chiropratici, che si occupa appunto della chiropratica.