Coronavirus, come comportarsi al mare: le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:17

Coronavirus, ecco le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità su come comportarsi al mare: regole e raccomandazioni per bagnanti e gestori di stabilimenti.

coronavirus mare
Come comportarsi al mare

Il 3 giugno 2020 è iniziata una nuova fase dell’emergenza Coronavirus: comincia il nuovo step, quella di riapertura totale. L’Italia è tra i Paesi più colpiti dalla pandemia e sembra che stia tornando alla normalità: dal 3 giugno sono stati riaperti i confini tra le Regioni, ovvero tutti i cittadini italiani possono spostarsi sul territorio nazionale senza autocertificazione. Visto l’inizio della stagione estiva, in molti hanno iniziato a programmare gite o vacanze per respirare un po’ d’aria di mare: ma sapete come bisogna comportarsi in spiaggia? L’Istituto superiore di sanità ha indicato i rischi e quali comportamenti usare al mare: attraverso il sito ufficiale ha dato indicazioni di tipo tecnico che riguardano i controlli e norme igieniche e comportamentali da seguire negli stabilimenti balneari.

Coronavirus, come comportarsi al mare: le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità

Con la riapertura dei confini tra le Regioni e l’arrivo dell’estate, i cittadini italiani si preparano ad andare al mare: le spiagge potrebbero affollarsi e questo aumenta la possibilità di contagio. L’Istituto superiore di sanità ha pubblicato una serie di indicazioni su come comportarsi al mare e quali norme seguire per trascorrere serenamente ed in sicurezza una giornata in spiaggia.

Per gli stabilimenti ed i bagnanti, l’ISS raccomanda di prenotare l’accesso (anche online), per fasce orario, in modo da prevenire assembramenti e da registrare gli utenti. Inoltre bisogna utilizzare cartelloni e locandine con regole comportamentali per i fruitori delle aree di balneazione. Raccomanda di regolamentare gli accessi e gli spostamenti sulle spiagge, anche attraverso percorsi dedicati. Garantire distanziamento interpersonale di almeno 1 metro tra le persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare. L’ISS raccomanda di controllare la temperatura corporea del personale e dei bagnanti al loro arrivo, di vietare forme di aggregazione, di interdire gli eventi musicali (con l’eccezione di quelli di ascolto, con postazioni sedute che garantiscono il distanziamento). Fondamentale pulire con regolarità giornaliera le superfici, gli arredi di cabine, le aree comuni, e sanificare in modo regolare e frequente le attrezzature (sedie, sdraio, lettini). Dotare i bagnanti di disinfettanti per l’igiene delle mani e fornire disinfettanti e DPI al personale (mascherine, schermi facciali, guanti).

L’Istituto superiore di sanità scrive che sono queste le principali conclusioni del ‘Rapporto sulle attività di balneazione in relazione alla diffusione del virus Covid-19 del Gruppo di Lavoro Ambiente-Rifiuti COVID-19 in collaborazione con il Ministero della Salute, l’INAIL, il Coordinamento di Prevenzione della Conferenza Stato Regioni, esperti delle ARPA e altre istituzioni.