Vite al Limite, il difficile caso di Jeanne oggi: come è diventata?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

La tragica storia di Jeanne Covey di Vite al Limite: dov’è oggi e perché ha fatto causa al programma?

Come sta oggi Jeanne di Vite al Limite
Jeanne di Vite al Limite

Vite al Limite è una di quelle serie televisive che ci tengono incollati allo schermo. Guardare le storie dei protagonisti affetti da forte obesità che cercano di dimagrire è uno di quegli argomenti un pizzico morbosi che però ci piacciono molto. Così la storia di Jeanne Covey, uno dei casi sicuramente più difficili affrontati dal Dottor Nowzaradan nel suo programma è una curiosità che dobbiamo toglierci. Come sta oggi una delle pazienti più complicate della trasmissione? È riuscita a dimagrire oppure no?

La storia di Jeanne

Ogni episodio delle varie stagioni di Vite al Limite è dedicato alla storia di uno dei protagonisti che essendo obeso, con un peso generalmente superiore ai 300 chili, si decide a chiedere l’aiuto del Dottor Nowzaradan e della clinica di Houston. Jeanne Covey all’epoca del programma aveva 39 anni e pesava oltre 300 chili ed è stata la protagonista dell’episodio 11 della settima stagione. La sua storia, come quella di tanti altri protagonisti del programma, è stata molto tormentata. Un passato ricco di dolore che l’ha portata chiaramente a rifugiarsi nel cibo, ma secondo la mamma, Jeanne rubava cibo già quando aveva solo 5 anni come forma di vendetta nei confronti della nonna con cui stava che era molto violenta e rude nei suoi riguardi. La donna, quando si rivolge a Vite al Limite, racconta di vivere in casa con 9 cani, sua madre e suo padre, affetto da una malattia mentale. La situazione era insostenibile e così si rivolge al Dottor Nowzaradan.

La malattia della madre e la morte del padre

Inizia così un percorso di dimagrimento difficile in cui Jeanne deve lottare con le sue dipendenze, ma nel mentre scopre che la madre è affetta da una grave malattia e deve essere operata. Inoltre scopre anche che il padre, rimasto a casa da solo, è morto durante il sonno. A quel punto per la protagonista del programma tutto diventa troppo complicato da gestire e decide di abbandonare il programma dopo 6 mesi e avendo perso solo pochi chili. Una decisione molto sofferta, ma secondo Jeanne necessaria.

Il viaggio di Jeanne verso il Dottor Nowzaradan

Com’è oggi Jeanne? E perché ha fatto causa al programma?

Dando un’occhiata però ai suoi canali social, sebbene la donna non sia molto attiva, abbiamo notato da alcune foto profilo che sembra aver continuato il suo percorso di dimagrimento, anche senza il Dottor Nowzaradan e Vite al Limite. Del resto la donna ha anche sporto denuncia contro il programma, accusandolo di non aver pagato le spese mediche come invece dovrebbe essere.