Mara Venier, il retroscena sulla storia con Renzo Arbore: “Ferita profonda”

Mara Venier al settimanale Di Più ha parlato della sua storia d’amore con Renzo Arbore finita nel 1997: la conduttrice ha raccontato del drammatico retroscena.

mara venier renzo arbore
Mara Venier ha svelato un drammatico retroscena sulla sua storia con Renzo Arbore

E’ una delle regine della televisione italiana: Mara Venier, pseudonimo di Mara Povoleri, è la conduttrice veneziana che dagli anni ’80 lavora in tv. E’ conosciuta sia come Zia Mara che come ‘la signora della domenica’: Domenica In intrattiene dagli anni ’90 il pubblico di Rai Uno. La Venier durante il periodo di lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus ha scelto di proseguire con il suo show domenicale per regalare intrattenimento ai suoi telespettatori in quarantena. Dal 2006 la conduttrice è sposata con Nicola Carraro, il produttore cinematografico, ma prima di lui ha avuto altri compagni. Nell’84 ha sposato Jerry Calà da cui si è separata nell’87: dopo l’attore, la Venier ha avuto una lunga relazione con Renzo Arbore che si è conclusa nel 1997. In un’intervista al settimanale Di Più, Mara ha parlato dei suoi amori, aprendo una particolare parentesi riguardo la storia con il famoso cantante. Ecco le sue parole.

Mara Venier, il retroscena sulla storia con Renzo Arbore: “Ferita profonda”

Mara Venier, prima di conoscere Nicola Carraro, suo attuale marito dal 2006, è stata protagonista di una lunga storia d’amore con Renzo Arbore durata fino al 1997. Al settimanale Di Più, in un’intervista, la famosa conduttrice ha svelato un particolare riguardo la relazione avuta con il famoso cantante. I due hanno condiviso un’esperienza traumatica, ovvero la perdita di un figlio: si trattò di una gravidanza interrotta molto avanzata. Le parole di Mara a Di Più riguardo la relazione vissuta con il cantante: “Un amore importante, il nostro, con momenti dolorosi. Una ferita profonda che non voglio riaprire. Solo Renzo e io sappiamo quanto abbiamo sofferto. Uno degli episodi più dolorosi della mia vita, come la scomparsa della mia mamma cinque anni fa”.