Carlo Verdone, confessione dolorosa: “Mi fa tristezza”

Carlo Verdone, nel corso di un’intervista rilasciata a Fanpage, ha fatto una confessione dolorosa: ecco le parole dell’attore

carlo verdone confessione dolorosa
Carlo Verdone, confessione dolorosa: “Mi fa tristezza risentirle” (Fonte: Instagram)

Verdone è uno degli attori più famosi della storia del cinema italiano. È stato autore di film di gran successo, come Un sacco belloBianco, rosso e VerdoneBorotalcoCompagni di scuolaViaggi di nozzeGallo cedrone, fino ai successi dell’ultimo periodo come Io, loro e LaraSotto una buona stellaBenedetta follia. Il suo ultimo lavoro, Si vive una volta sola, sarebbe dovuto uscire in tutte le sale il 27 febbraio 2020, ma l’uscita è stato rinviata a data da destinarsi per la chiusura delle sale cinematografiche a causa della pandemia da Coronavirus. In un’intervista rilasciata al portale Fanpage, l’attore ha dichiarato: “La speranza si chiama ‘metà gennaio 2021’, quindi probabilmente se tutto va bene, numeri di contagi permettendo, a un anno di distanza da quella che doveva essere l’uscita, usciremo anche noi. Sia io che De  Laurentiis abbiamo stabilito che il film deve uscire in sala”.

Carlo Verdone, confessione dolorosa: le sue parole

Nel corso della sua lunga carriera, Verdone ha lavorato con tantissimi artisti di gran calibro. Da Alberto Sordi a Sergio Leone, da Elena Fabrizi a Margherita Buy, fino a Christian De Sica, Claudia Gerini e tanti altri ancora. L’attore aveva un bel rapporto anche con Massimo Troisi, attore scomparso tragicamente il 4 giugno del 1994. Verdone custodisce preziosamente la voce dell’amico e collega nella sua segreteria telefonica. Insieme a quella di Troisi, ci sono anche le voci di Francesco Nuti e del padre, ma al portale Fanpage dichiara: “Mi fa molta tristezza risentirle. Le ho sentite una volta, mi è bastato. Voglio solo ricordare e non sentire, perché mi fa dolore”. Un ricordo che l’attore preferisce tenere custodito nel suo cuore.

Verdone in questi giorni si trova a Napoli in occasione della sua prima personale fotografica al museo Madre di Napoli, dal titolo Nuvole e colori, che sarà esposta fino al 1 novembre 2020.