Serie A, il campione è malato e ormai senza più un soldo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:30

Ebbene sì, rimasto senza un soldo uno dei calciatori più caratteristici degli anni ’90, giocava in serie A, ed è malato, si tratta dell’inglese stella della Lazio, Paul Gascoigne.

Paul Gascoigne, malato e senza soldi
Paul Gascoigne, malato e senza un soldo (fonte instangram)

Paul Gascoigne è stato senza dubbio uno dei calciatori più talentuosi degli anni ’90. Ha indossato la maglia del Lazio, spiccando tra le figure più rappresentative. Ad oggi però, sembra che Gascoigne non stia attraversando un bel periodo, date le crescenti difficoltà economiche alle quali si aggiunge la sua viziata dipendenza, l’abuso di alcool. La sua vita fatta di sperpero e incontrollato bisogno di bere l’ha portato in un tunnel senza fondo, difficile da scavalcare. Il tutto è iniziato dopo un’operazione chirurgica per poter riporre rimedio al suo eccesso, come ha dichiarato lo stesso Gascoigne: “Mi hanno cucito all’interno dello stomaco dei pellet che creano un dolore fortissimo se bevo troppo. Nel mio organismo viene scatenato un dolore lancinante. Ho speso circa 20mila sterline ma ne è valsa la pena”. Questo è quanto raccontato dall’ex calciatore.

Serie A, malato e rimasto senza un soldo Paul Gascoigne. Le sue condizioni

Serie A: Paul Gascoigne malato e senza un soldo ha subito in importante intervento chirurgico per porre fine al suo dolore. L’alcool è diventato parte del suo corpo fino ad arrivare ad uno smisurato bisogno quotidiano.

Paul Gascoigne, malato e senza un soldo
Gascoigne, ricoverato, rimasto senza un soldo (fonte instangram)

Ma l’ex calciatore di serie A è caduto nuovamente nel suo vizio. Ritrovato per strada in coma etilico è stato trasportato d’urgenza in ospedale , dove è stato ricoverato. Oggi l’uomo sarebbe rimasto senza soldi, vivendo con quel poco che gli resta. Secondo alcune fonti, non avrebbe più denaro per pagarsi la disintossicazione in una clinica specializzata. Molti suoi amici hanno deciso per questo di aiutarlo, sostenendo l‘ex stella del calcio di propria iniziata per poter riuscire a riportarlo fuori dall’incubo, un gesto di solidarietà tutto da apprezzare.

M.B