Stirare d’estate è uno stress: così puoi velocizzare i tempi

Stirare d’estate è uno stress e diventa un dovere da cui vorresti scappare. Come facilitare questo compito e renderlo più piacevole velocizzando i tempi? Con i giusti consigli si può

stirare estate
Stirare d’estate è una noia? Così puoi velocizzare il tutto

Seppur stirare è una delle mansioni che si preferisce meno è impossibile rinunciare. Ci sono capi d’abbigliamento che necessitano di essere stirati. Per molte persone diventa fonte di stress soprattutto in estate. Mai come in questa stagione i capi d’abbigliamento si lavano con maggiore frequenza: colpa del caldo e dell’eccessivo sudore. Proprio per questo si stira di più.

Come fare per velocizzare i tempi? Vi diamo dei semplici consigli che potete impiegare per ridurre il tempo della stiratura. Per partire con il piede giusto, iniziamo da un presupposto: stirare è una necessità che può diventare piacevole. Come? La prima regola da non sottovalutare è quella di leggere bene l’etichetta. Tutti quei simboli presenti – che indicano la temperatura da utilizzare e il tipo di lavaggio adatto al capo- ti indirizzano e facilitano l’atto della stiratura. Una volta accertati che il capo in questione può essere stirato (attraverso il simbolo del ferro da stiro non sbarrato) potete procedere.

Stirare d’estate: come farlo facilmente e velocemente

Il primo accorgimento parte proprio parte dal lavaggio: se scegliamo un programma delicato e con temperature basse, il bucato sarà meno stropicciato. Questo faciliterà il compito e la stiratura sarà più rapida. Vediamo passo passo come procedere.

  1. Lavaggio  

Preferite un lavaggio specifico. Le lavatrici soprattutto quelle di ultima generazione hanno programmi diversi per ogni esigenza. Questo rende più chiaro il vostro compito. Per non incorrere in spiacevoli disastri lavate i capi a una temperatura bassa, compresa tra i 30°-40°, con una centrifuga leggera o addirittura senza: così evitate anche la stiratura

2. Scegliere i capi partendo dal tessuto

È indispensabile selezionare i diversi tessuti. Ci sono dei capi che necessitano un lavaggio con programmi differenti. Un esempio, mai mischiare abiti, pantaloni di lino con capi come jeans e shorts.

3. La lavatrice ha una sua capienza

Non bisogna caricare troppo la lavatrice che ha una propria capienza. Se ci sono meno capi al suo interno non si accumulano e si stropicciano di meno.

4. Il bucato va tolto subito

Il bucato va tolto dalla lavatrice appena termina; diversamente ogni tentativo di evitare la stiratura sarà stato vano e il risultato saranno dei capi così stropicciati che ci vorrà il doppio del tempo per stirarli!

5. Stendere il bucato

Finito il lavaggio bisogna stendere il bucato. Prima di farlo si consiglia di stendere bene il tessuto con le mani. Una volta asciutti si passa alla stiratura. Occhio a orli, tasche e cuciture durante questa fase.

Ci sono capi che necessitano della stiratura e non è possibile evitarla. Per rendere il compito meno arduo si può suddividerli e stirarli un po’ alla volta.

E.C

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Asciugatrice, cose che non sapete: i trucchi per far profumare il bucato