Bonus da 1000 euro, quale categoria ne ha diritto: come presentare la richiesta

Sono 530mila i professionisti iscritti agli enti di previdenza che potranno presentare domanda per ottenere il bonus o “reddito di ultima istanza”.

Bonus
Bonus da 1000 euro, i requisiti e la procedura per ottenerlo (Google)

Con l’entrata in vigore del decreto Agosto, notai, architetti, avvocati e dentisti, già titolari del bonus di marzo e aprile, potranno presentare la domanda e ricevere il bonus con bonifico versato in automatico sul proprio conto, come spiega Il Sole 24 Ore. Per coloro invece che hanno sospeso la propria attività tra aprile e maggio è possibile richiedere l’indennità entro i 30 giorni dalla data di pubblicazione del decreto. Quindi il periodo valido per presentare la domanda va dal 16 agosto al 16 settembre 2020. Parte del denaro disponibile viene dalla somma stanziata dal decreto Rilancio e poi dall’autorizzazione di spesa del reddito di ultima istanza prevista dal Cura Italia e parte dal via libera alla spesa del reddito di ultima istanza prevista da Cura Italia.

Bonus da 1000 euro, quali professionisti possono richiederlo

Saranno i liberi professionisti iscritti alle casse di previdenza obbligatoria di diritto privato a poter inoltrare la richiesta. Assolutamente esclusi i pensionati o i dipendenti a tempo indeterminato. I requisiti vengono inoltre valutati in base al reddito: chi non supera i 35mila euro e ha subito un calo dell’attività lavorativa non sarà tenuto a rendicontare il calo del fatturato, a differenza di coloro il cui reddito va dai 35mila ai 50mila euro. L’attività di questi ultimi, infatti, deve aver subito un calo del 33% del fatturato.

Bonus
Bonus da 1000 euro, come presentare la domanda (Instagram)

Con il decreto Agosto, la chiusura della partita iva deve essere avvenuta tra il 23 febbraio e il 31 maggio 2020, mentre prima il limite di tempo era fissato al 30 aprile. Ricordiamo che per i destinatari del bonus di marzo e aprile la procedura è automatica. Tutti gli altri dovranno invece presentare la domanda alla cassa di previdenza a cui sono iscritti, indicando il codice fiscale e l’Iban.

L.C.