Lindsey Witte Vite al Limite: come è cambiata dopo il secondo intervento

Vite al Limite, Lindsey Witte come sta oggi e come è diventata? 

lindsey-vite-limite-oggi-come-sta-come-e-diventata

Chiunque sia capitato, anche per sbaglio davanti al programma Vite al Limite, in onda in Italia su Real Time, sarà stato rapito dalla storia dei protagonisti e soprattutto dal mood, molto forte, ma efficace del dottor Nowzaradan. E solo grazie a questo comportamento Lindsey Witte è riuscita a perdere peso, sconfiggere l’obesità e capire che era il momento di cambiare vita. Protagonista dell’ultima stagione di Vite al Limite, come sta oggi Lindsey e come è diventata?

La storia di Lindsey

Lindsey era in sovrappeso praticamente da tutta la vita. Si era legata al cibo e al mangiare in modo compulsivo per compensare il dolore di aver vissuto con un padre molto violento. Il quale, a sua volta, ha adottato uno stile alimentare sbagliato e compulsivo, andando a peggiorare ancora di più la situazione. Lindsey comunque, una volta cresciuta ha trovato un marito, una famiglia con una bella casa e una situazione intima meravigliosa. Ad un certo punto si è però resa conto che il suo peso poteva rovinare tutto. Suo marito stava peggiorando la sua dipendenza dall’alcol e si è dimostrato irascibile e impaziente. Lindsey andò così a Houston da sola e, nonostante fosse la seconda volta che riceveva un intervento di chirurgia bariatrica in dieci anni, sembra che questa sia la volta giusta.

Come sta Lindsey di Vite al Limite oggi?

Lindsey oggi sta seguendo assiduamente la dieta del dottor Now, l’intervento di restrizione della manica gastrica è andato benissimo e ha perso circa 100 chili dall’inizio del programma. Da quanto vediamo su Facebook Lindsey sta bene, è tornata a casa in forma ed è cambiatissima. I suoi amici e i suoi familiari sono stati al suo fianco e questo è stato sicuramente molto importante per la riuscita del suo percorso. Ha iniziato inoltre un percorso di psicoterapia cosa che, ovviamente, non può che fare bene.

Pubblicato da Lindsey Witte su Giovedì 2 gennaio 2020