Vittorio Sgarbi, attimi di tensione a Venezia: un’attrice lo riprende

Attimi di tensione a Venezia tra Vittorio Sgarbi e un’attrice: la donna lo riprende perchè non indossa la mascherina, ecco la sua risposta

vittorio sgarbi venezia tensione
Vittorio Sgarbi, attimi di tensione a Venezia: discussione con un’attrice (Fonte: Instagram)

Sgarbi nell’ultimo periodo si è distinto per essersi schierato tra le fila dei negazionisti del Covid-19. Il critico d’arte ha sempre sostenuto le posizioni del medico Alberto Zangrillo, è sempre stato critico nei confronti del governo per le politiche anti-pandemia e soprattutto è sempre stato contrario alle mascherine. Si potrebbe dire che non le indossa quasi mai e addirittura a Sutri, città del quale è sindaco, ha imposto una multa per chi le indossa senza un motivo valido. Anche a Venezia, dove è in corso la Mostra del Cinema, il politico si è presentato senza mascherine e soprattutto poche volte rispetta il distanziamento sociale. Non sempre però gli va bene.

Vittorio Sgarbi, attimi di tensione a Venezia con un’attrice

Ieri sera a Venezia, durante la consegna dei premi Kinéo nella bellissima location della dimora cinquecentesca dei Dogi Morosini a Ca’ Sagredo, ci sono stati attimi di tensione tra Sgarbi e l’attrice abruzzese Sara Serraiocco. Salito sul palco per premiarla, il critico d’arte ha rivolto parole di merito per la ragazza ed ha cercato di avvicinarsi parecchio, tenendole addirittura le mani. L’attrice, però, ha invitato a rispettare le distanze di sicurezza e soprattutto a rispettare quanti si sono malati in Italia. La Serraiocco ha confessato che anche uno dei suoi parenti si è ammalato di Covid-19. Sgarbi – stranamente – ha mantenuto la calma, rispondendo: “È giusto. Bisogna mantenere le distanze di sicurezza. È bene stare distanti, non bisogna amarsi troppo“.

View this post on Instagram

Del mio viaggio in Sardegna, lungo percorsi poco battuti da turisti e vacanzieri, e certamente molto lontano da discoteche e balere, la visita a Tortolì (Nuoro) è stata tra le più sorprendenti. Se non altro perché ho scoperto che mi piacciono le ostriche, per anni da me ignorate, diversamente dalle cozze (in ogni senso…). Vi è qui uno degli allevamenti più importanti della Sardegna, gestito da una cooperativa locale di pescatori, nata nel 1944; sono in 13, 10 tortoliesi e 3 ponzesi. Si occupano del pescato e della sua trasformazione. Il prodotto più importante per la loro attività è l'ostrica denominata “Sandalia”, commercializzata in tutta Italia. Se capitate da queste parti fate un salto al chioscho-ristorante gestito dalla cooperativa: l’Oyster Bar – Chiosco di Ponente. Il nome non è certamente sardo, ma le ostriche sì. (Nella foto con i ragazzi della cooperativa) #viaggioinsardegna #sardegna2020 #sgarbeide #pescatorisardi #ostriche #oysterbartortolì #nuoro #ostrichesandalia Ph @ninoippolito

A post shared by VITTORIO SGARBI (@vittoriosgarbi) on

L’episodio è stato filmato da CorriereTv, che ha poi rincorso Sgarbi per alcune dichiarazioni. Il politico ha mostrato l’unica mascherina che porta appresso con sopra la stampa di una capra ed ha esclamato il suo famoso motto: “Capra, capra“.