Lucio Battisti: chi era, sua moglie, figlio, com’è morto e dove è stato sepolto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:30

Lucio Battisti a 22 anni dalla sua scomparsa: scopriamo insieme chi era, sua moglie, suo figlio, com’è morto e dove è stato sepolto il cantautore

Lucio Battisti: chi era, sua moglie, figlio, com'è morto e dove è stato sepolto
Lucio Battisti: chi era, sua moglie, figlio, com’è morto e dove è stato sepolto (instagram di Vasco Rossi)

E’ stato senza ombra di dubbio uno degli artisti italiani più famosi di tutti i tempi. Un giovane talento che nel corso degli anni ha fatto piangere ed emozionare milioni di persone con le sue canzoni. Lucio nel corso degli anni è stato protagonista di numerosi video e album, che lo hanno reso celebre nel mondo. Oggi sono trascorsi esattamente 22 anni dalla sua scomparsa e non sono mancati gli omaggi da parte degli amici che hanno colto l’occasione per ricordarlo. In tutta la sua bravura e la sua professionalità… Tra questi sicuramente Vasco Rossi che scrive: “Quando è morto Battisti ho sentito il bisogno di Silenzio, soprattutto mediatico. Rispettoso silenzio per un artista che diceva tutto attraverso le sue canzoni.
Ancora oggi dopo 26 anni penso lo stesso.
Viva Lucio Battisti, Viva le sue canzoni immortali.

Ma adesso ripercorriamo le tappe fondamentali della sua vita…

Lucio Battisti: chi era, sua moglie, figlio, com’è morto e dove è stato sepolto

Lucio Battisti nacque a Poggio Bustone in provincia di Rieti, il 5 marzo del 1943. Lucio è il secondo figlio di Alfiero, impiegato al dazio e Dea Battisti, casalinga. Lucio aveva anche una sorella Albarita e un altro Lucio, era morto in infanzia. A seguito della promozione in terza media, Lucio chiese in regalo ai genitori una chitarra. L’interesse per lo strumento fu dovuto anche all’influenza di due ragazzi che abitavano nel suo condominio, con cui riunitosi, aveva sentito suonare i primi brani stranieri di rock and roll. Il primo approccio con lo strumento fu da autodidatta. Vari sono gli artisti musicali che Battisti apprezzava: Ray Charles, Otis Redding, i Beatles, Donovan e Bob Dylan sono tra quelli che lo hanno maggiormente ispirato nella sua formazione. In giovane età, entrò a far parte di un gruppo musicale capeggiato da Leo Sanfelice. Da allora è tutta storia! Lucio nella sua vita ebbe solo un grande amore oltre alla musica, quello per Grazia Letizia Veronese, con cui fu sposato dal 1976 al 1998, anno della sua morte.

View this post on Instagram

Quando è morto Battisti ho sentito il bisogno di Silenzio, soprattutto mediatico. Rispettoso silenzio per un artista che diceva tutto attraverso le sue canzoni. Ancora oggi dopo 26 anni penso lo stesso. Wiva Lucio Battisti, wiva le sue canzoni immortali. • “Uno” che desidera solo essere considerato l’autore delle sue canzoni! Senza più esagerazioni, mitizzazioni…. “Uno” che che vuole smetterla di apparire come voi lo fate apparire involontariamente, naturalmente, casualmente… non responsabilmente, nel senso che non siete determinanti come “singoli”… siete troppi… e individualmente non siete potenti o influenti! Be’, tranne qualcuno naturalmente, che scrive sul giornale più diffuso… e può divertirsi… Un artista che vuole affidare “solo” alle sue opere la comunicazione delle sue emozioni, della propria arte… e lo fa così bene, tra l’altro, che viene capito da tutti… senza bisogno di “spiegazioni”, di articoli, di interviste, di niente! Uno così, lasciatemelo dire, voi lo dovete rispettare! Stare zitti, non scrivere niente, andare in vacanza, prendere le ferie, inventare una bella scusa per il… direttore… e lasciare ai “cronisti” il compito di informare che Battisti è morto! Il resto lo sappiamo già!… tutti! Da La Versione di Vasco. • • #vascorossi #il_blasco_fan_club #musica #loradistoria #iovasco #memories #luciobattisti #battisti #cantautori #ilgeniodizocca #provoKautore #ilredeglistadi #rock #rockstar #canzoni #estate2020 #fuckcovid #restarevivisanielucidifinoal2021

A post shared by Vasco Rossi (@vascorossi) on

Lucio e Grazia condividevano la passione per la musica, infatti lei era una bravissima paroliera e compositrice. Dal loro amore è nato anche un figlio, Luca Filippo Carlo Battisti, che somiglia incredibilmente al padre e sebbene condivida con lui la passione per la musica, ha deciso di stare ben lontano dalle luci dei riflettori. Lucio morì per una grave malattia ai reni, che non gli diede scampo e per cui le cure furono invane. Si cercò in ogni modo di salvarlo, ma non ci fu nulla da fare per il cantautore. Stando a quanto riportato da ‘La Repubblica’: “E’ stato portato via dal cimitero di Molteno, dalla sua Brianza, Lucio Battisti, il cantautore morto il 9 settembre del 1998. Destinazione: il crematorio di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno). Nei primi giorni della prossima settimana la cremazione e poi non ci sarà più una tomba su cui piangere”.