Venezia, Vittorio Sgarbi shock: senza mascherina, lite con la sicurezza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:13

Vittorio Sgarbi arriva senza mascherina alla Mostra del Cinema di Venezia: un addetto alla sicurezza lo riprende. Scoppia la lite: il video di TPI.

vittorio sgarbi venezia
Vittorio Sgarbi contro l’addetto alla sicurezza: scoppia la lite fuori la sala alla Mostra del Cinema di Venezia, il critico non aveva la mascherina

E’ in corso la Mostra del Cinema di Venezia, il famoso evento che va in scena ogni anno e che è giunto alla 77 esima edizione. Si tiene al Lido di Venezia dal 2 al 12 settembre 2020 e dal suo inizio sta vedendo sul red carpet i VIP italiani. Si tratta di un’edizione ‘particolare’ quella di quest’anno vista l’emergenza Coronavirus: tutti i partecipanti devono assolutamente rispettare le norme anti Covid, la prima regola fondamentale è indossare sempre la mascherina per evitare ulteriori ed eventuali contagi. Non sono state rispettate da Vittorio Sgarbi che nelle ultime ore è protagonista di un video diventato ormai virale: ecco di cosa si tratta.

Venezia, Vittorio Sgarbi shock: senza mascherina, lite con la sicurezza

Un video pubblicato dal portale TPI mostra un battibecco nato all’esterno di una sala alla Mostra del Cinema di Venezia: i protagonisti sono un addetto alla sicurezza e Vittorio Sgarbi. Secondo quanto rivela il portale, la lite è nata dopo che al critico d’arte è stato intimato di indossare la mascherina prima di entrare ad assistere la proiezione. Mercoledì 9 settembre era in programma la proiezione del film della sorella di Sgarbi, Elisabetta, dal titolo ‘Extraliscio Punk da balera’. Il personaggio televisivo si è presentato senza mascherina: è stato richiamato da un addetto alla sicurezza che gli ha chiesto di indossarla prima di entrare nel luogo chiuso. Una volta indossata però, Sgarbi è stato richiamato di nuovo, si legge, perchè aveva il naso scoperto. Il critico d’arte ha iniziato ad urlare contro l’addetto alla sicurezza ‘Se vedi uno che l’ha sotto il naso fatti i ca**i tuoi‘, ‘Fatti i ca**i tuoi, chi ca**o sei?’.