Giorgio Panariello, il tragico lutto: ad avvisarlo è stato Carlo Conti

La vita di Giorgio Panariello è stata colpita da un tragico lutto: ad avvisarlo è stato proprio il suo amico e collega Carlo Conti

giorgio panariello lutto carlo conti
Giorgio Panariello, il tragico lutto: Carlo Conti è stato ad avvisarlo (Fonte: Instagram)

Giorgio Panariello è uno degli showman più amati della televisione italiana. Nel corso della sua carriera ha interpretato diversi personaggi, molti anche di successo. Da Mario il bagnino a Sirvano, da Lello Splendor a La signora Italia, fino a Simone e tanti altri ancora. Panariello raggiunge l’apice del successo all’inizio degli anni duemila, quando è protagonista in prima serata con Torno sabato, programma legato alla lotteria Italia. Nel 2006, inoltre, è conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo insieme ad Ilary Blasi e Victoria Cabello. L’edizione di quell’anno tuttavia non ottiene il successo sperato con una media di 8.380.000 telespettatori e uno share del 40,17%.

Giorgio Panariello, il tragico lutto che ha sconvolto la sua vita

La vita di Giorgio Panariello non è stata di certo semplice. Di origini napoletane, lo showman è stato cresciuto dai nonni, perchè la mamma lo abbandonò pochi giorni dopo il parto. Panariello non ha mai conosciuto il padre e durante lo show “Panariello sotto l’albero” gli ha dedicato un monologo straordinario, di cui proponiamo un estratto: “C’è un messaggio che avrei sempre voluto inviare ma che, purtroppo, non invierò mai perché non ho il suo numero. Caro babbo. Non so se devo chiamarti così come si dice in Toscana o semplicemente papà, perché io non so neanche di dove sei”.

La vita di Giorgio Panariello, però, è stata segnata anche da un tragico lutto. Suo fratello minore è morto a causa della dipendenza dall’eroina. L’attore, in un’intervista rilasciata a Vanity Fair, ha rivelato che, ad avvisarlo della morte del fratello, fu l’amico e collega Carlo Conti: “Ho visto che alle 8.30 mi aveva cercato Carlo Conti. Aveva saputo di Franco da un’amica di Viareggio che, non sapendo come rintracciarmi, aveva avvisato lui. Quando ho saputo, la mia prima reazione è stata di rabbia: Franco, giurandomi che aveva smesso per sempre, mi aveva preso per il c**o ancora una volta”.