Carlo Acutis, chi era il ragazzo prossimo a diventare Beato: la sua storia è incredibile

Chi era Carlo Acutis, il ragazzo morto nel 2006 a soli 15 anni stroncato da una leucemia fulminante e prossimo alla beatificazione.

Carlo Acutis Papa Francesco
Carlo Acutis, chi era il ragazzo che sta per diventare Beato: la sua storia è incredibile (GettyImages)

Nato a Londra nel 1991 e vissuto a Milano, Carlo Acutis era un adolescente all’apparenza come tanti altri, amava stare con gli amici, giocare a calcio e navigare in Internet. Ma Carlo aveva qualcosa in più rispetto ai suoi coetanei: una fede ed una devozione alla Madonna tali da renderlo speciale. Ogni giorno partecipava alla Santa Messa e recitava il rosario. Approfittando della sua passione per la tecnologia, usava il web come canale di comunicazione per la fede: aveva infatti creato vari siti web per la Chiesa cattolica e un anno prima della sua morte, Carlo aveva creato una mostra virtuale sui miracoli eucaristici diffusasi in tutto il mondo. Secondo alcuni, Acutis potrebbe diventare un giorno il patrono di Internet.

Carlo Acutis, la sua vita e la forza della sua fede: a breve sarà Beato

Nel 2006 Carlo si ammalò improvvisamente, la leucemia lo uccise in brevissimo tempo. Il 12 ottobre di quello stesso anno, in soli tre giorni, morì all’ospedale San Gerardo di Monza. Anche nella sofferenza non smise di avere fede e offrì il suo dolore per il Papa e per la Chiesa. Dal giorno della sua morte, i genitori di Carlo ricevono lettere e richieste di preghiera da ogni parte del mondo: tutte queste testimonianze sono state raccolte nella fase diocesana di beatificazione iniziata il 15 febbraio 2013 e conclusasi il 24 novembre 2016. A luglio 2018 Papa Francesco ha dichiarato Carlo Acutis venerabile. La strada verso la beatificazione si è aperta quando c’è stata la conferma di un miracolo avvenuto quattro anni dopo la morte di Acutis e grazie al suo intervento: nel 2010, un bambino sarebbe guarito da una grave malattia toccando i vestiti del ragazzo esposti nella Paroquia Sao Sebastiao in Brasile. Il 6 aprile 2019 i resti di Carlo Acutis sono stati riesumati e trasportati al Santuario della Spogliazione di Assisi. La cerimonia di beatificazione è prevista per il 10 ottobre nella Basilica di San Francesco e fino al 17 ottobre la tomba del ragazzo resterà aperta.

Monsignor Sorrentino, vescovo di Assisi, ha spiegato che il corpo è rimasto intatto grazie a “tecniche di conservazione e di integrazione solitamente praticate per esporre con dignità alla venerazione dei fedeli i corpi dei beati e dei santi”.

 

Segui anche il nostro canale Instagram –> clicca qui