Terremoto, scossa fortissima: magnitudo 4.9, panico anche in sud Italia

Terremoto, scossa fortissima: magnitudo 4.9, panico anche in sud Italia; cosa è accaduto intorno alla mezzanotte dell’8 ottobre 2020.

terremoto sud italia
Terremoto, scossa fortissima: magnitudo 4.9, panico anche in sud Italia; cosa è accaduto intorno alla mezzanotte. (Fonte Pixabay)

Una scossa di terremoto fortissima ha colpito il nord dell’Albania, questa notte, a mezzanotte e tredici minuti dell’ 8 ottobre 2020. La scossa è stata di magnitudo 4.7 e, secondo i dati riportati dal centro sismico Mediterraneo EMCS, ha raggiunto magnitudo richter 4.9. L’epicentro del terremoto è situato nel mar Adriatico, intorno ai 20 metri a nord di Durazzo e circa a 40 metri a nord- ovest dalla capitale albanese, Tirana. L’ipocentro, invece, è stato localizzato a circa 10 km di profondità. Oltre all’Albania, la scossa è stata avvertita in molti Paesi, tra cui l’Italia.

  • Seguici anche sul nostro canale ufficiale di Instagram —–> CLICCA QUI

Terremoto, scossa fortissima: magnitudo 4.9, panico anche in sud Italia

Un fortissimo terremoto si è abbattuto sull’Albania, colpendo la zona centro-settentrionale, alle ore 00.13 dell’ 8 ottobre 2020. Una scossa fortissima, al quale l’INGV ha assegnato la magnitudo richter di 4.7, ma ha raggiunto anche magnitudo 4.9.. Una scossa che ha provocato boati e tremori molto violenti, che si sono sentiti lievemente anche in sud Italia, nello specifico in Puglia. Le zone interessate sono state quelle della provincia di Lecce e di Brindisi. Fortunatamente, non si segnalano danni a cose o persone.

L’epicentro del terremoto è stato localizzato in mare, nell’Adriatico, precisamente a circa 20 metri a nord di Durazzo e intorno ai 40 metri a nord- ovest dalla capitale albanese, Tirana. L’ipocentro del terremoto è stato invece localizzato a circa 10 km di profondità. Nonostante l’irruenza, non ci sono danni a cose o persone neanche nelle zone vicine all’epicentro, nonostante la scossa sia state avvertita chiaramente dalla popolazione.

Oltre all’Albania e all’Italia meridionale, sono stati interessati altri Paesi, come Bulgaria, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Kosovo. Montenegro, Serbia e Macedonia del Nord.