Antonella Clerici, tragica notizia in diretta: “Per me era un papà”, la conduttrice è scossa

Antonella Clerici saluta il suo caro amico Gianfranco De Laurentiis in diretta: il giornalista è scomparso oggi 14 ottobre all’età di 81 anni, la conduttrice ha appreso la notizia durante la pubblicità.

antonella clerici diretta
Tragica notizia in diretta per Antonella Clerici: la conduttrice è senza parole

Oggi, 14 ottobre, la perdita di Gianfranco De Laurentiis addolora tutti. All’età di 81 il noto giornalista romano è passato a miglior vita: continuava a collaborare da remoto con la Domenica Sportiva che aveva condotto nella stagione ’94/’95. Gianfranco ha lavorato in Rai per trent’anni e si è occupato di sport con Diretta Sport, Dribbling, Domenica Sprint. Tra le sue trasmissioni ricordiamo anche Eurogol, la prima rubrica nata per le Coppe Europee nel ’77. Resterà per sempre un’icona del giornalismo sportivo: appena appresa la notizia della morte, tantissimi personaggi noti dello sport e non solo hanno lasciato messaggi sui social per la famiglia e per ricordarlo. Questa mattina Antonella Clerici ha saputo della tragica scomparsa mentre era in diretta con il suo ‘E’ sempre mezzogiorno’: ecco cosa è successo e le sue parole.

Antonella Clerici saluta il suo caro amico Gianfranco De Laurentiis: “Per me era un papà”

Antonella Clerici è davvero triste per la scomparsa di un suo caro amico, Gianfranco De Laurentiis passato a miglior vita all’età di 81 anni. Lo storico giornalista Rai ha ‘battezzato’ la Clerici in tv portandola con sé nel programma ‘Dribbling’. Durante la pubblicità nel corso di ‘E’ sempre mezzogiorno’, oggi 14 ottobre, la conduttrice ha ricevuto la tragica notizia. Una volta entrata in onda, queste sono state le sue commoventi parole: “Vi avevo detto oggi mi sento strana, avevo un malessere, non sapevo cosa fosse. Durante la pubblicità mi hanno detto che è mancato, è morto, se n’è andato il mio amico di sempre, Gianfranco De Laurentiis. Per me è stata la prima persona che ho conosciuto quando sono arrivata a Roma da ragazzina, a fare Dribbling nel ’90. Mi ha adottato nella sua famiglia, sono cresciuta con loro: ho fatto tutte le più grandi trasmissioni sportive, i Mondiali, le Olimpiadi. Era il mio mentore, un uomo che ha fatto la storia dello sport. Per me era un papà, sono senza parole. La vita passa attraverso di noi, è un periodo in cui non c’è mai una buona notizia”.