Coronavirus, il virologo Crisanti è sicuro: “Nuovo lockdown a Natale”

Andrea Crisanti, virologo dell’Università di Padova, interviene sul Coronavirus: “Ci sarà un nuovo lockdown a Natale”

coronavirus lockdown crisanti
Coronavirus, il virologo Crisanti è sicuro: “Ci sarà un nuovo lockdown a Natale” (Fonte: Pixabay)

Il Coronavirus torna a far paura. Il temibile virus, da inizio gennaio, ha causato centinaia di migliaia di morti e milioni di contagiati in tutto il mondo. Il virus è nato in Cina e da lì ha iniziato a diffondersi. Il primo continente attaccato, oltre all’Asia, è stato l’Europa con Italia, Francia e Spagna in prima linea. Il Covid-19 poi è arrivato anche negli Stati Uniti e in India, che ad oggi risultano essere gli stati più colpiti del pianeta. Il virus sembrava aver rallentato il suo corso in estate. Con l’arrivo del caldo, infatti, era diventato meno virale e i nuovi positivi erano diminuiti. Il trend si è invertito con l’arrivo dell’autunno e soprattutto del freddo. Le condizioni climatiche sfavorevoli, abbinate ai comportamenti non a norma di alcune persone, hanno causato, anche in Italia, un aumento di nuovi contagi. Il governo è dovuto correre ai ripari per evitare un nuovo lockdown, che farebbe precipitare il paese in una crisi senza fine.

Coronavirus, Crisanti: “Nuovo lockdown a Natale”

L’Italia piomba nuovamente nell’incubo lockdown. I due mesi di isolamento forzato non hanno sicuramente giovato alle casse di milioni di italiani. Il nostro paese si trova in una crisi economica che sembra avere pochi precedenti. L’obiettivo del governo, presieduto dal premier Giuseppe Conte, è proprio quello di evitare una nuova quarantena forzata. Per questo motivo, Conte, insieme al ministro della Salute Roberto Speranza, ha firmato un nuovo dpcm, che mira a rallentare la corsa del virus.
Andrea Crisanti, virologo dell’università di Padova, è intervenuto questa mattina a Studio 24, dove ha dichiarato: “Dato l’aumento dei contagi un lockdown a Natale è nell’ordine delle cose” – poi ha aggiunto – “Si potrebbe resettare il sistema, abbassare la trasmissione del virus e aumentare il contact tracing. Così come siamo il sistema è saturo”. Lo scienziato ha poi lanciato anche l’allarme riguardo al trasporto pubblico: “I mezzi affollati sono una situazione che favorisce il contagio. Una cosa che si potrebbe fare è obbligare i passeggeri a indossare mascherine chirurgiche e vietare l’ingresso con mascherine fai da te. Avrebbe più effetto che discutere se diminuire la capienza”.

covid lockdown
Il nuovo dpcm firmato da Conte prevede l’uso delle mascherine sia all’aperto che all’esterno (Fonte: Pixabay)

Il Coronavirus torna a far paura e gli italiani temono un nuovo lockdown. Dopo le festività pasquali potrebbero saltare anche quelle natalizie. La speranza è che il nuovo dpcm firmato dal governo Conte possa migliorare la situazione nel nostro paese.