Coronavirus, coprifuoco anche nel Lazio: la decisione di Zingaretti

Nicola Zingaretti ha da poco firmato una nuova ordinanza sul Coronavirus: anche nel Lazio sarà coprifuoco dalle 24 alle 5

coronavirus lazio coprifuoco
Coronavirus, anche nel Lazio scatta il coprifuoco: la decisione di Nicola Zingaretti (Fonte: Instagram)

Il Coronavirus fa nuovamente paura. Dopo una forte ondata in inverno, che ha causato migliaia e migliaia di morti in Italia, il temibile virus sembrava aver rallentato il suo corso con l’arrivo dell’estate e soprattutto del caldo. La tregua, però, è durata veramente poco. Con il ritorno dell’autunno e soprattutto del freddo, il virus è tornato fortemente virali. I nuovi positivi sono in forte aumento e aumentano anche i ricoveri in terapia intensiva. Gli ospedali italiani rischiano il collasso e per questo motivo il governo è corso ai ripari, firmando un nuovo dpcm.

Coronavirus, scatta il coprifuoco anche nel Lazio

Dopo la Campania e la Lombardia, anche il Lazio opta per il coprifuoco. Il governatore Nicola Zingaretti ha da poco firmato una nuova ordinanza sul Coronavirus. Il coprifuoco sarà attivo dalle 24 alle 5 del mattino e per spostarsi le persone dovranno compilare un’autocertificazione, che sarà disponibile a breve sul sito della Regione. Il divieto di circolazione andrà in vigore a partire da questo venerdì, “salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze (a titolo esemplificativo, per i lavoratori, il tragitto domicilio, dimora e residenza verso il luogo di lavoro e viceversa), e per gli spostamenti motivati da situazioni di necessità o d’urgenza, ovvero per motivi di salute“. L’Ordinanza del presidente Nicola Zingaretti sarà firmata questa sera con il ministro della Salute Roberto Speranza.

L’ordinanza firmata da Nicola Zingaretti, oltre al coprifuoco dalle 24 alle 5, prevede anche di incrementare i posti letto dedicati ai pazienti Covid, “identificando strutture pubbliche e private ulteriori rispetto a quella già inserite nella rete” e ampliando quelle già esistenti “fino al raggiungimento di 2913 posti letto di cui 552 dedicati alla terapia intensiva e sub-intensiva“. Da lunedì 26 ottobre, invece, si parte con la didattica a distanza per le scuole secondarie (tranne per gli iscritti al primo anno) e per le università.