Coronavirus, violenti scontri durante la protesta Napoli: si contano i danni e i feriti

Coronavirus, Venerdì 23 Ottobre si sono verificati dei violenti scontri durante la protesta a Napoli: si contano i danni e i feriti. 

Coronavirus protesta Napoli
Coronavirus, protesta a Napoli: i danni e i feriti. Fonte Foto: screenshot video Facebook

Le ultime parole di Vincenzo De Luca, nel corso della sua recentissima conferenza stampa, e, ancora prima, le ultimissime misure restrittive per contenere il contagio da Coronavirus, ha provocato un’immediata reazione da parte della popolazione napoletana. Oltre alla chiusura delle scuole, fuorché i nidi e centri dell’infanzia, il presidente della Regione Campania ha predisposto il divieto di mobilità tra Comuni e il coprifuoco dalle ore 23:00 fino alle ore 5:00 della mattina seguente. Una decisione drastica, da come si può chiaramente immaginare. E che, purtroppo, è stata mal digerita da numerosi ristoratori ed imprenditori del capoluogo campano. Che, proprio ieri, Venerdì 23 Ottobre, hanno deciso di organizzare una protesta contro questa dura decisione. Una protesta che, come raccontato anche in un nostro recentissimo articolo, si è dimostrata, molto presto, ricca di violenti scontri. Ecco, ma all’indomani di questo episodio, quali sono i danni? Ecco tutti i dettagli.

Coronavirus, i danni e i feriti che si contano dopo la protesta a Napoli

All’indomani della protesta organizzato a Napoli contro il coprifuoco deciso da Vincenzo De Luca a causa dell’aumento considerevole dei contagi da Coronavirus e, soprattutto, dei violenti scontri che si sono verificati nel bel mezzo della manifestazione, non si può fare altro che iniziare a contare i danni e i feriti. La protesta, come raccontato anche in un nostro recentissimo articolo, è stata davvero feroce. E lo si capisce perfettamente da queste urla di una donna che, in diretta dal balcone di casa sua, non può fare a meno di riprendere queste immagini. E di esprimere chiaramente tutta la sua paura e preoccupazione. Ecco, la domanda sorge spontanea: a distanza di poco meno di ventiquattro ore, quali sono stati i danni? Stando a quanto si apprende da ‘Il Mattino’ on line, sembrerebbe che ci siano quattro carabinieri feriti, una camionetta della Polizia con i vetri posteriori completamente rotti, alcuni poliziotti contusi e, a quanto pare, diverse macchine delle autorità completamente disastrate e rovinate dalle bomboletta spray.

Coronavirus protesta Napoli
Fonte Foto: Facebook

Insomma, a distanza di poco meno di ventiquattro ore, i danni e i feriti, purtroppo, si contano.

Qual è stata la reazione di Vincenzo De Luca?

Se, da una parte, il sindaco di Napoli ha assistito a queste scene di guerriglia in diretta dallo studio di ‘Titolo V’, dall’altra parte, come sarà stata la reazione di Vincenzo De Luca? Fino a questo momento, come raccontato anche in un nostro recente articolo, il Presidente della Campania non si è affatto espresso. Ma, ne siamo certi, molto presto lo farà.