Coronavirus, a San Marino bar e ristoranti restano aperti: “Siamo diversi dall’Italia”

A San Marino hanno deciso di non rispettare le nuove misure restrittive anti Coronavirus contenute nel nuovo dpcm firmato da Conte. Bar e ristoranti restano aperti: ecco la motivazione.

coronavirus san marino
Coronavirus, a San Marino bar e ristoranti restano aperti anche dopo le 18: la decisione crea malumori nelle zone limitrofe, ecco la notizia dell’ultim’ora (fonte Wikipedia)

Da lunedì 26 ottobre è entrato in vigore il nuovo Decreto firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. L’emergenza sanitaria continua a fare numeri davvero alti ed i dati sembrano essere sempre più preoccupanti: è per questo motivo che il governo ha deciso di attuare misure restrittive anti Covid per provare a limitare la diffusione dei contagi da Coronavirus. Tra le nuove regole c’è una che riguarda i proprietari di bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie: dalle ore 18 chi ha queste attività deve chiudere. Tale decisione non è andata affatto giù ai cittadini italiani che da giorni stanno manifestando in ogni parte d’Italia. La misura restrittiva non è piaciuta neanche ad un piccolo stato situato al centro nord della penisola italiana. Quest’ultimo ha deciso di non rispettare le regole del nuovo dpcm. Ecco cosa ha appena fatto sapere l’ANSA.

Coronavirus, a San Marino bar e ristoranti restano aperti: “Siamo diversi dall’Italia”

L’ANSA pochissimo fa attraverso il suo portale ha fatto sapere che a San Marino ristoranti e bar possono restare aperti anche oltre le 18. Il segretario di Stato al lavoro, Teodoro Lonfernini, ha motivato così tale decisione: “San Marino è diversa dall’Italia, ha una popolazione contenuta su un territorio proporzionalmente più ampio. Ha anche un numero di pubblici esercizi contenuto, il controllo quindi è più semplice, il tracciamento da noi funziona. Chiudere bar, ristoranti e pasticcerie alle 18 è francamente assurdo“. La situazione sta suscitando non pochi malumori nelle zone limitrofe al piccolo stato. Il governo sanmarinese non ha intenzione di chiudere alle ore 18 le attività di bar e ristoranti. E’ stato così deciso che nella piccola repubblica confinante con Emilia-Romagna e Marche, i pubblici esercizi possono restare aperti applicando distanziamento, mascherine e registrazione della clientela. Lo fa sapere l’ANSA.