Coronavirus, contagi in aumento: Arcuri lancia l’allarme

I nuovi contagi da Coronavirus sono tremendamente in aumento in Italia: il commissario straordinario Arcuri lancia l’allarme

coronavirus contagi arcuri
Coronavirus, impennata di nuovi contagi: il commissario Arcuri lancia l’allarme (Fonte: Pixabay)

La seconda ondata di Coronavirus si è abbattuta sull’Italia. Il virus torna a far paura. I numeri sembrano salire di giorno in giorno e ormai i focolai sono sparsi per tutto il paese. Oltre alla Lombardia, che detiene da febbraio il primato in classifica, iniziano a destare preoccupazione anche la Campania e il Lazio. Nessuna regione in Italia, però, è esente dalla nuova ondata di Covid-19. Le strutture sanitarie sembrano al collasso e l’ombra del lockdown aleggia sugli italiani. Il governo sta cercando di porre un freno ai nuovi contagi, ma le misure prese non sembrano efficienti.

Coronavirus, aumentano i contagi: Arcuri lancia l’allarme

Impennata di nuovi contagi in Italia. Anche oggi nuovo record e 217 decessi. Il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, lancia l’allarme in conferenza stampa: “Sono 15.964 i pazienti Covid in ospedale e 1651 sono in terapia intensiva. Questi numeri esprimono più di ogni mia parola la dimensione e l’ampiezza del virus”. Rispetto a marzo, però, si muore di meno, ma questo non deve far abbassare la guardia: “Non voglio dirvi che è tutto ok. Stiamo vivendo un nuovo dramma e per affrontarlo dobbiamo capire in cosa differisce dal precedente”.

coronavirus
La seconda ondata di Coronavirus sembra ancora più terribile (Fonte: Pixabay)

Il commissario Arcuri poi lancia l’allarme: “Con questi numeri, se non si abbassa la curva, nessun sistema sanitario sarebbe in grado di reggere. Vi supplico senza dare retta a chi dice che questo non è vero. Basta osservare i numeri”. Il commissario ha invitato gli italiani a diminuire gli spostamenti, a restare maggior tempo a casa. Solo in questo modo i nuovi contagi potrebbero diminuire e il sistema sanitario tornare a rifiatare. La seconda ondata di Coronavirus potrebbe mettere a dura prova il paese e per questo serve la collaborazione di tutti.