Coronavirus, Guido Bertolaso ne è sicuro: ‘A metà Novembre saremo come a Marzo’

In una sua recente intervista a Il Corriere della Sera, Guido Bertolaso ha chiaramente espresso la sua opinione sulla situazione Coronavirus. 

Coronavirus Bertolaso
Le parole di Guido Bertolaso sull’attuale situazione del Coronavirus. Fonte Foto: Getty Images

L’attuale situazione del Coronavirus, purtroppo, sta seriamente preoccupando. La curva dei contagi, lo sappiamo benissimo, aumenta considerevolmente sempre di più. E se, fino al 24 Novembre, sarà in vigore l’ultimo Dpcm emanato dal premier Giuseppe Conte, c’è chi chiede un immediato lockdown. Ne è testimone, ad esempio, Guido Bertolaso. Che, in una sua recente intervista per ‘Il Corriere della Sera’, ha chiaramente espresso la sua opinione in merito a questo. L’ex capo della Protezione Civile, infatti, non considera affatto efficace un ‘mezzo lockdown’, come altri vorrebbero, bensì un lockdown generalizzato. ‘L’epidemia abbraccia tutta l’Italia’, dice Bertolaso. Ma non solo. Proprio nel corso della sua intervista, l’ex capo della Protezione Civile non può affatto nascondere quanto l’attuale situazione sia seriamente preoccupante. E di quanto ci sia la possibilità che, data la curva dei contagi, potremo ritrovarci come a Marzo. Ecco le sue parole.

Coronavirus, Bertolaso sentenzia: ‘Si è perso tempo in estate’

‘Complicata e piena di tranelli, perché purtroppo a metà novembre saremo come a fine marzo’, ha iniziato a dire Guido Bertolaso nel corso della sua intervista a ‘Il Corriere della Sera’, in merito all’attuale situazione Coronavirus. Sottolineando, inoltre, di quanto, nei mesi scorsi, l’epidemia interessava la Lombardia e il Veneto. E di quanto, invece, adesso è un problema di tutta l’Italia. ‘Il virus si è sparpagliato ovunque’, ha continuato a dire l’ex capo della Protezione Civile. Che fare quindi? La risposta è davvero semplice: lockdown. ‘Sarebbe meglio fermare del tutto il Paese per un mese’, ha sentenziato  Guido Bertolaso a ‘Il Corriere della Sera’. Ribadendo che questo tempo sarà necessario non soltanto ad arrestare l’epidemia, ma anche al sistema di organizzarsi nuovamente.

Coronavirus Bertolaso
Fonte Foto: Getty Images

Ma non è affatto finita qui. Guido Bertolaso, infatti, ha continuato a dire: ‘Il servizio sanitario ha l’acqua alla gola e non sarà in grado di rispondere all’emergenza incalzante’. Insomma, sembrerebbe proprio che l’attuale situazione Coronavirus in Italia stia preoccupando tutti. E, da come si può chiaramente leggere dalle parole dell’ex capo della Protezione Civile, stanno preoccupando per niente poco.