Coronavirus e scuola, cambia tutto: la clamorosa novità in arrivo col nuovo Dpcm

Coronavirus e scuola, cambia tutto: la clamorosa novità in arrivo col nuovo Dpcm; ecco cosa cambierà nei prossimi giorni.

coronavirus scuola
Coronavirus e scuola, cambia tutto: la clamorosa novità in arrivo col nuovo Dpcm; ecco cosa cambierà nei prossimi giorni. (Fonte Pixabay)

Dovrebbero mancare poche ore alla firma del nuovo Dpcm, che introdurrà ulteriori misure restrittive sul nostro territorio. La curva dei contagi di Coronavirus è in continua ascesa e una nuova stretta si è rivelata indispensabile. Secondo quanto anticipato dalla bozza, saranno molte le novità previste dal nuovo provvedimento: in primis, la divisione delle regioni in tre fasce, rossa, arancione e verde, a seconda della criticità e del rischio di contagio. E molte novità dovrebbero riguardare anche il mondo della scuola. In seguito, vi spieghiamo quali potrebbero essere le principali.

  • Seguici anche sul nostro canale ufficiale di Instagram —–> CLICCA QUI

Coronavirus e scuola, cambia tutto: la clamorosa novità in arrivo col nuovo Dpcm

Cosa cambierà nel mondo della scuola col nuovo dpcm? Ebbene, secondo quanto riporta la bozza del nuovo provvedimento, ci saranno molte novità. Le più importanti delle quali sono rappresentate dalla didattica a distanza al 100% nelle scuole superiori e dall’utilizzo della mascherina anche al banco per le scuole elementari e medie e per i servizi educativi per l’infanzia. Una novità significativa, dato che finora la mascherina era obbligatoria soltanto negli spazi comuni ma non al banco, durante le lezioni (esclusi i bambini inferiori ai sei anni e i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’utilizzo della mascherina).

(Fonte Pixabay)

Cosa accadrà nelle scuole della fasce arancione e rossa, ovvero le più critiche? Ebbene, nella zona arancione, quelli per motivi di studio rientrano negli spostamenti consentiti, anche tra comuni differenti . Spostamenti che sono invece vietati per motivi non strettamente necessari. Nelle regioni appartenenti alla fascia più a rischio, invece, sarà consentita didattica in presenza solo nei servizi educativi per l’infanzia e per il primo anno della scuola secondaria di primo grado. Dalla seconda media in poi ci sarà l’obbligo di didattica a distanza ( salvo casi particolari, come in necessità di laboratori o in caso di studenti con disabilità). Non ci resta che attendere le prossime ore per conoscere i dettagli delle nuove misure.