Coronavirus, il premier Conte illustra il Dpcm in conferenza: tutte le misure previste dal 6 Novembre

Il premier Conte è intervenuto in conferenza stampa per illustrare il Dpcm di Novembre per arginare i contagi da Coronavirus.

Coronavirus Conte Dpcm novembre
Conte illustra il Dpcm del mese di Novembre studiato ad hoc per l’aument dei casi da Coronavirus. Fonte Foto: Getty Images

Aspettavamo questo momento con ansia, c’è da ammetterlo. Adesso, finalmente, possiamo tirare un sospiro. Dopo le prime anticipazioni, proprio questa sera, Mercoledì 4 Novembre, il premier Conte, in diretta da Palazzo Chigi, ha illustrato dettagliatamente il Dpcm di Novembre per arginare e contrastare il contagio da Coronavirus. A distanza di poco meno di due settimane dalla spiegazione dell’ultimo decreto, il Governo ha ritenuto necessario studiarne un altro per una situazione che, giorno dopo giorno, peggiora sempre di più. Ma cosa accadrà esattamente da Venerdì 6 Novembre? In questi ultimi giorni, lo sappiamo benissimo, si è parlato tanto di coprifuoco nazionale alle ore 22:00. E dell’Italia suddivisa in tre zone suddivise a seconda del rischio. Ma cosa prevede esattamente il Dpcm di Novembre? Ecco tutte le misure illustrate dettagliatamente dal Presidente del Consiglio in conferenza stampa.

Coronavirus, Conte illustra il nuovo Dpcm: cosa accadrà da Venerdì 6 Novembre

In questi ultimi giorni, lo sappiamo benissimo, si è parlato tantissimo del Dpcm del mese di Novembre. D’altra parte, sappiamo benissimo che, purtroppo, la situazione attuale di Coronavirus peggiora sempre di più. Ed è stato più che necessario, quindi, studiare un nuovo decreto utile proprio a limitare i contagi. Ecco, ma cosa prevede esattamente? Come dicevamo precedentemente, si è parlato tantissimo di coprifuoco a livello nazionale alle ore 22:00, anziché alle ore 21:00 come anticipato nei giorni scorsi. Ed, addirittura, la suddivisione di tutta l’Italia in bene tre zone. Che, come dicevamo precedentemente, si differenziano a seconda del grado di rischio. La domanda, però, sorge spontanea: quali sono tutte le misure che verranno applicate da Venerdì 6 Novembre. Perché, badate bene, in un primo momento, queste nuove ‘regole’ sarebbero dovute andare in vigore domani. E, quindi, Giovedì 5 Novembre. Invece, a causa di uno ‘scontro’ tra Governo e Regioni, il Dpcm slitterà di un giorno. Dunque, tutte le nuove misure partiranno da Venerdì 6 Novembre.

Coronavirus Conte Dpcm novembre
Fonte Foto: Getty Images

Ecco tutte le misure del Dpcm di Novembre illustrate da Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa di Mercoledì 4 Novembre.

Le misure del Dpcm di Novembre

‘Abbiamo distinte la Penisola in tre area: gialla, arancione e rossa’, così inizia Giuseppe Conte ad introdurre le nuove misure del Dpcm. Ecco tutti i dettagli.

AREA GIALLA= CRITICITA’ MODERATA (Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Lazio, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto, le province di Trento e Bolzano)

  • Vietato circolare dalle ore 22:00 alle ore 5:00 del mattino, salve per condizioni di lavoro, di necessità e salute;
  • Didattica a distanza per scuole superiori di secondo grandi, fatta eccezione per studenti con disabilità con l’utilizzo di laboratori;
  • Didattica in presenza per centri di infanzia, elementari e medie;
  • Le attività didattiche all’università si svolgeranno a distanza, salvo per le matricole ed attività di laboratorio;
  • Sospese tutte prove pre-selettive, scritte in presenza per concorsi pubblici e privati, salvo per concorsi per medici, operatori sanitari e Protezione Civile;
  • Consentito il riempimento del trasporto pubblico fino al 50%, salvo il trasporto scolastico;
  • Chiusi musei e mostre;
  • Sospese scommesse giochi e videogiochi in bar e tabaccherie;
  • Bar e ristoranti aperti fino alle ore 18:00 e l’asporto è consentito fino alle ore 22:00. No ci sono restrizione per le consegne a domicilio;
  • Chiudono piscine, palestre, teatri e cinema;
  • Restano aperti i centri sportivi;
  • Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione di farmacia, parafarmacie, punti vendita di alimentari, edicole e tabaccherie.

AREA ARANCIONE= CRITICITA’ MEDIO ALTA (Puglia e Sicilia)

  • Vietato circolare dalle ore 22:00 alle ore 5:00, salvo per condizioni di necessità, di lavoro e di salute;
  • Vietato spostarsi in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un comune al’altro, salvo per motivi di studio, di necessità, di salute e di lavoro;
  • Chiusura bar e ristoranti sette giorni su sette che possono operare, fino alle ore 22:00, per l’asporto. E non ci sono limitazioni per consegne a domicilio;
  • Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione di farmacia, parafarmacie, punti vendita di alimentari, edicole e tabaccherie;
  • Consentito il riempimento del trasporto pubblico fino al 50% salvo per il trasporto scolastico;
  • Sospese scommesse giochi e videogiochi in bar e tabaccherie;
  • Le attività didattiche all’università si svolgeranno a distanza, salvo per le matricole ed attività di laboratorio;
  • Didattica in presenza per centri di infanzia, elementari e medie;
  • Sospese tutte prove pre-selettive, scritte in presenza per concorsi pubblici e privati, salvo per concorsi per medici, operatori sanitari e Protezione Civile;
  • Chiudono piscine, palestre, teatri e cinema;
  • Rimangono aperti i centri sportivi.

AREA ROSSA= CRITICITA’ ALTA (Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle D’Aosta)

  • Vietato ogni spostamento anche all’interno del proprio comune in qualsiasi orario, salvo per necessità, di salute e lavoro. Non ci si può spostare, quindi, da una Regione all’altra e da un comune all’altro;
  • Chiudono bar e ristoranti, ma l’asporto è consentito fino alle ore 22:00. E non ci sono restrizioni per consegne a domicilio;
  • Chiudono negozi, salvo beni di prima necessità;
  • Restano aperti edicole, tabaccherie, farmacie, parafarmacie, attività dediti alla cura della persona e lavanderie;
  • Le attività didattiche all’università si svolgeranno a distanza, salvo per le matricole ed attività di laboratorio;
  • Didattica a distanza per scuole superiori, seconda media e terza media;
  • Didattica in presenza per centri d’infanzia, elementari e prima media;
  • Sospese tutte prove pre-selettive, scritte in presenza per concorsi pubblici e privati, salvo per concorsi per medici, operatori sanitari e Protezione Civile;
  • Sono sospese tutte le attività sportive, salve quelle riconosciute dal CONI e dal CIP e quelle riconosciute a livello nazionale;
  • Consentita attività motoria all’aperto e in forma individuale nei pressi del proprio domicilio;
  • Sono chiuse musei, mostre, piscine, palestra, sale scommesse e bingo;
  • Consentito il riempimento del trasporto pubblico fino al 50% salvo per il trasporto scolastico;

 

Segui anche il nostro canale Instagram –> clicca qui