Nuovo Dpcm, quali sono le attività e i negozi che restano aperti nelle zone rosse

Nuovo Dpcm, quali sono le attività e i negozi che possono restare aperti anche nelle zone rosse.

zone rosse dpcm negozi
Nuovo Dpcm, quali sono le attività e i negozi che possono restare aperti anche nelle zone rosse. (Fonte Google, Pixabay)

Da venerdì 6 novembre 2020 è in vigore il nuovo Dpcm firmato da Giuseppe Conte, col fine di frenare il più possibile la diffusione del Coronavirus sul territori nazionale. Un decreto che prevede nuove misure restrittive e molte novità. La più importante delle quali è, senza dubbio, la divisione dell’Italia in tre aree, ciascuna caratterizzata da un colore. Zona rossa, arancione e gialla, in base al livello di criticità e di rischio delle singole regioni italiane. Nella zona rossa, quella che secondo i 21 parametri analizzati è la più a rischio, ci sono Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria. In questa zona, partirà un vero e proprio secondo lockdown, con l’obbligo di mostrare l’autocertificazione per gli spostamenti. Ma quali negozi e attività potranno restare aperti, anche nelle zone rosse? Facciamo chiarezza.

Nuovo Dpcm, ecco i negozi che resteranno aperti anche nelle zone rosse

Nelle zone rosse di Italia, quelle considerate più a rischio, da oggi 6 novembre, molte attività dovranno abbassare le serrande. Si tratta della attività ritenute non essenziali, e che possono quindi essere “sacrificate” per contenere il più possibile l’epidemia. Ma in molti si chiedono: quali sono, quindi, i negozi che resteranno aperti anche nella zone rosse? Ve li elenchiamo noi. In primis gli alimentari, quindi non è necessario alcun assalto ai supermercati. Resteranno inoltre aperti tabaccai, edicole, farmacie, negozi di articoli sportivi, biciclette e prodotti per il tempo libero. Non dovranno abbassare le saracinesche neanche i parrucchieri e i centri estetici, lavanderie, negozi di abbigliamento per bambini e giocattoli, cartolerie, librerie, concessionarie di auto e moto, erboristerie e negozi di informatica. Per leggere la lista completa e dettagliata, clicca qui.

(Fonte Google)

Dovranno invece chiudere le attività e i servizi di ristorazione, come bar, pub, ristoranti, gelaterie a pasticcerie. Saranno consentite però le consegne a domicilio e la modalità dell’asporto, fino alle ore 22.00, con divieto di consumare cibo sul posto.

  • Per restare sempre aggiornato, seguici anche sul nostro canale ufficiale di Instagram —–> CLICCA QUI